Aggiornato alle: 04:00 di Martedi 27 Ottobre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Approvato il parcheggio all’ex Frasca

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Approvato il parcheggio all’ex Frasca
17 Ottobre
10:00 2020

 

 

 

 

 

La giunta Ottaviani, nell’ultima seduta, ha approvato il progetto definitivo dell’importo complessivo di € 1.593.588,57, con dichiarazione di pubblica utilità, relativo alla realizzazione, a cura di un soggetto privato, di una Infrastruttura Pubblica a servizio della Stazione Ferroviaria nell’ambito della riqualificazione del quartiere Scalo – area denominata “Frasca”.

Contestualmente, è stato approvato specificamente il piano particellare con l’elenco descrittivo degli immobili di cui è prevista l’espropriazione, con l’indicazione dell’estensione e dei confini nonché dei dati identificativi catastali. Ai proprietari, duque, verrà data notizia dell’efficacia del presente atto ai fini della facoltà di prendere visione della relativa documentazione e di fornire ogni utile elemento per determinare il valore da attribuire all’area per la liquidazione della indennità di esproprio.

Il primo step del progetto è iniziato nel 2017 con l’ottenimento, da parte dell’amministrazione Ottaviani, del finanziamento ministeriale in risposta al bando pubblico denominato “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di Provincia” per un importo complessivo pari ad € 17.995.818,81, nel quale risulta inserito come progetto cardine dell’intera proposta progettuale quello inerente alla riqualificazione di piazzale Kambo con il concomitante investimento di Rete Ferroviaria Italiana, per la riqualificazione degli edifici di proprietà e la realizzazione di un sovrappasso pedonale al fine di incentivare l’utilizzo dei mezzi su ferro. Il Comune, così, ha di fatto concretizzato la possibilità di operare la ricucitura di due aree strategiche del Capoluogo attualmente separate dall’infrastruttura ferroviaria (la zona edificata in prossimità della chiesa “Sacra Famiglia” risalente al dopoguerra e il nuovo quartiere di Edilizia Residenziale Pubblica sviluppatosi lungo “Corso Lazio” negli anni ’80).

In riferimento agli interventi finanziati per il Quartiere Scalo, con delibera di giunta è stato approvato il progetto definitivo dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza dell’area Stazione, con previsione di pedonalizzazione dell’intera superficie antistante l’edificio viaggiatori mediante l’eliminazione della viabilità di transito che attualmente separa lo stesso dalla piazza, e la rivisitazione dell’intero sistema di viabilità dell’area.

In particolare, è emersa la necessità di utilizzare l’area denominata “ex Frasca” per la realizzazione di una fermata del Trasporto Pubblico Locale e di un parcheggio pubblico a servizio della stazione dall’altro lato rispetto all’attuale unico ingresso al fabbricato viaggiatori. A tal fine l’Amministrazione ha approvato l’atto di indirizzo per la trasformazione urbanistica dell’area denominata “ex Frasca” da zona di P.R.G. “CR+V” (Nuova Espansione Residenziale e Verde Pubblico Attrezzato) a F (Servizi Collettivi)” in modo da consentire la realizzazione dell’infrastruttura a servizio della Stazione, da cui, da giugno scorso, partono i treni superveloci, collegando così il capoluogo alla capitale, in appena 39 minuti di percorrenza. Lo scorso 28 giugno 2019, alla Villa comunale, è stato infatti firmato il protocollo d’intesa alla presenza del sindaco, Nicola Ottaviani, dell’amministratore di Ferrovie, Gianfranco Battisti, e del Direttore Stazioni di RFI, Sara Venturoni, inerente all’iniziativa di riqualificazione dell’intero ambito urbano in cui la stazione si inserisce, attraverso l’impiego di 15 milioni di euro da parte delle Ferrovie dello Stato ed ulteriori 10 milioni di euro da parte del Comune di Frosinone. Ed è proprio partendo da quell’investimento complessivo di 25 milioni di euro per il nuovo assetto della stazione e del quartiere, che la società Ferrovie dello Stato ha accolto la richiesta del sindaco, Nicola Ottaviani, di utilizzare la nuova rivisitazione urbanistica, per far fermare i treni superveloci in un altro capoluogo italiano, sulla scorta di quanto già avvenuto con il riassetto delle stazioni di Padova, Modena e Reggio Emilia.

La giunta comunale di Frosinone, infine, ha approvato l’individuazione di un percorso per la realizzazione di un intervento di riqualificazione e valorizzazione dell’area ex Permaflex, intendendo così ribadire la propria volontà di procedere alla trasformazione dell’area (di cui è stato recentemente approvato il cambio di destinazione d’uso da produttivo a commerciale). Lo scopo è realizzare un’opera che darà lavoro a centinaia di addetti, sia nel comparto interno che nell’indotto. La zona individuata dall’intervento rientra nell’ambito del nuovo concept di assetto del territorio portato avanti sin dalla prima consiliatura, che metterà dunque a sistema gli interventi riguardanti lo Scalo e quelli di recupero urbanistico ed edilizio dell’ex complesso industriale. Il privato, dunque, ha confermato la propria volontà di voler proporre, come opera compensativa di pubblico interesse, la realizzazione dell’infrastruttura sull’area “ex Frasca”, da trasferire, dopo le necessarie lavorazioni, nella titolarità dell’amministrazione comunale di Frosinone.  (Fonte: comunicato stampa)

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA
SOCIAL
TOP NEWS