Aggiornato alle: 20:15 di Martedi 14 Luglio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Alfonso Marra amministratore delegato della Klopman dice no alle mascherine usa e getta

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Alfonso Marra amministratore delegato della Klopman dice no alle mascherine usa e getta
12 Maggio
09:45 2020

 

 

 

Alfonso Marra, Amministratore Delegato dell’azienda Klopman, leader in Europa nella produzione di tessuti per abiti da lavoro  punta l’indice sulle mascherine usa e getta privilegiando  quelle in tessuto tecnico.


“Puntare tutto sulle mascherine usa e getta perproteggere la popolazione italiana nella fase 2 – scrive Marra in una nota- è un gravissimo ed incomprensibile errore da parte del Governo e del Commissario Arcuri. Si tratta di dispositivi di protezione che l’Italia ha estrema difficoltàa produrre vista la difficoltà di approvvigionamento della materia prima che deve comunque essere importata dall’estero esponendo il paese a grosse speculazioni come i casi di cronaca hanno già dimostrato. Le mascherine a prezzo imposto sono praticamente introvabili e questo causa un grave rischio per la salute pubblica ed un forte disorientamento nei consumatori. Il tentativo di promuovere l’utilizzo di mascherine fai da te per tappare la falla è assolutamente maldestro e pericoloso poiché non garantisce alcune protezione certa ai cittadini. La soluzione invece è già disponibile e risiede nel certificare le mascherine in tessuto tecnico prodotte dalla filiera nazionale del tessile, così come è stato fatto da altri paesi europei come Francia, Germania, Spagna, Belgio. Una mascherina in tessuto tecnico è assolutamente adeguata quanto a capacità filtrante a proteggere la popolazione ed è vantaggiosa sia dal punto di vista economico che ambientale perché può essere utilizzata e sterilizzata fino a cinquanta volte. Infatti una mascherina in tessuto da 5 euro costerebbe al consumatore solo 10 centesimi al giorno e non deve essere sostituita ogni 4/8 ore come le usa e getta. A nome di tante aziende del tessile che come Klopman operano in modo responsabile e professionale, chiediamo al Commissario Arcuri e alle autorità competenti di fare ogni sforzo per certificare le mascherine in tessuto tecnico per offrire agli italiani la possibilità di acquistare prodotti sicuri, testati e sostenibili.

Analisi realizzate da Klopman sulle proprie mascherine presso laboratori certificati hanno verificato la capacità di filtrare più del 93% del particolato superiore ad un micron: una protezione adeguata a cittadini, lavoratori, forze dell’ordine (se non impegnate in operazioni di emergenza) per evitare da parte di chi la indossa il rischio di diffondere i droplet contenenti il virus nello spazio circostante.
Alla luce di questa situazione, continuare a convogliare tutte le risorse sulle mascherine usa e getta sarebbe un errore imperdonabile e gravemente contrario agli interessi dei cittadini e delle aziende”.

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE