Aggiornato alle: 16:31 di 20 Gennaio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Abusi sessuali sul nipote, nonno orco a processo

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Abusi sessuali sul nipote, nonno orco a processo
28 Aprile
09:45 2018

 

 

 

 

 

Bambino di otto anni violentato dal nonno paterno. Il 29 maggio prossimo fissata l’udienza davanti il Giudice della Corte d’Appello.

Violentato per tre lunghi anni dal nonno paterno. Sembra una storia impossibile, un nonno non può aver fatto una cosa simile, invece un uomo di 67 anni residente nella capitale, è stato già condannato in primo grado a cinque anni e mezzo di reclusione per aver costretto il nipotino di otto anni a consumare rapporti anali ed orali. Le ripetute violenze avvenivano quando il bambino che risiedeva a Frosinone, veniva mandato in vacanza dal parente. Ai genitori aveva raccontato di quello che gli faceva fare il nonno, ma loro, data l’età del figlioletto, non avevano dato molto peso alle sue parole.

La storia della violenza sessuale viene fuori nel 2011, quando il padre del ragazzino, separato dalla moglie aveva iniziato una relazione con una donna che aveva figlio di tredici anni. Il nonno adottivo ben presto aveva iniziato a molestarlo sessualmente. Il tredicenne, però a differenza del vero nipote ne aveva subito parlato in classe e le insegnanti avevano fatto scattare la denuncia. Gli inquirenti che avevano avviato l’inchiesta avevano ascoltato anche l’ ex nuora dell’imputato, la quale si era ricordata di quel racconto che gli aveva fatto il figlio quando aveva soltanto otto anni e a cui lei ed il marito non avevano dato peso. Il figlio, ascoltato anche lui dai magistrati aveva raccontato di essere stato violentato dal nonno. Da qui l’avvio delle indagini anche sulle «attenzioni» che l’imputato aveva avuto nei confronti del nipote.
Quel nipote che oggi, diventato maggiorenne, aspetta giustizia. Per tale motivo si è costituito parte civile tramite l’avvocato Antonio Orsini. Il 29 maggio prossimo verrà giudicato dai magistrati della Corte d’Appello di Roma.

Mar.Ming.

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE