Aggiornato alle: 09:30 di Mercoledi 28 Ottobre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – A 10 anni si presenta in Questura e denuncia la madre perchè lo rimproverava troppo

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – A 10 anni si presenta in Questura e denuncia la madre perchè lo rimproverava troppo
28 Settembre
17:30 2020

 

 

 

 

 

Ci sono  rimproveri e rimproveri. E quelli rivolti  dalla madre ad Alex ( il nome è di fantasia per tutelarne l’anonimato) un ragazzino di 10 anni  residente nel capoluogo, non erano certo dettati dalla mancanza di amore ma da un disagio interioriore. Per tale motivo  il giudice del tribunale di Frosinone   si è pronunciato per il non luogo a procedere   nei confronti una ragazza di 27 anni  di origine straniera  trapiantata a  Frosinone da  tantissimo tempo.

A trascinare la donna alla sbarra proprio Alex che due anni fa, a soli dieci anni si è presentato negli uffici della questura dicendo che non voleva più stare con la mamma perché non faceva altro che urlare   e rimproverarlo.  Le indagini che sono state avviate in tal senso  hanno portato all’allontanamento della madre dal figlio. Per ben due anni il ragazzino  ha vissuto in una casa  di accoglienza.  In tutto questo tempo è proseguita l’inchiesta per l’ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia. In udienza però l’avvocato di fiducia dell’imputata Sonia Sirizzotti ha   evidenziato davanti al giudice che la sua assistita era una brava mamma ma che  si portava dietro un vissuto che l’aveva profondamente segnata. A soli 12 anni  i genitori  che risiedevano in India, l’avevano data in sposa  ad un uomo di 50anni  che amava circondarsi di ragazze molto giovani . Ma quando a 15 anni  era rimasta incinta, la donna era stata cacciata via. Sola e con un bambino  in arrivo  aveva attraversato  momenti drammatici.  Dopo tanto  penare  era arrivata nel capoluogo ciociaro doveva aveva cominciato a lavoraare come operaia. Ed anche  se non mostrava al suo bambino di essere una mamma amorevole, anche se per farsi obbedire più di qualche volta alzava la voce, lei a quel figlio  voleva un gran bene. Subito dopo l’allontanamento  la ragazza si è rivolta ad ad un centro antiviolenza per chiedere aiuto. Alcuni specialisti l’hanno seguita  in un  percorso terapeutico  volto a farle riacquistare l’autistima. Nei giorni scorsi Il giudice non solo ha deciso per il non luogo a procedere ma ha disposto che Alex fosse ricongiunto alla madre. Il ragazzino oggi 12enne ,  che era all’oscuro del vissuto della madre e di quello che lei aveva fatto per dargli una vita dignitosa e migliore della sua si è lasciato ad un pianto liberatorio che aveva tutto il sapore delle scuse.

Mar. Ming.

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA
SOCIAL
TOP NEWS