Aggiornato alle: 15:00 di Mercoledi 19 Febbraio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

FOCUS Terracina – Autovelox, niente multa se la segnaletica verticale è errata

 ULTIME NOTIZIE
FOCUS Terracina – Autovelox, niente multa se la segnaletica verticale è errata
05 Luglio
13:31 2019
E’ arrivata l’estate: tempo di vacanze, tempo di spostamenti, tempo di precisare che non sempre le multe prese su strada sono legittime. Capita che i Comuni posizionino lungo le carreggiate dei dispositivi per rilevare il controllo della velocità: autovelox e tutor sono due apparecchiature che funzionano diversamente. Il primo rileva la velocità al momento del passaggio dinanzi l’apparato; il secondo misura l’andatura media su un percorso prestabilito. Può succedere che le contravvenzioni stilate per la violazione del limite di percorrenza siano contestabili perché irregolari rispetto alle modalità.

Durante l’udienza del recente 11 giugno, tenutasi presso il Tribunale Ordinario di Latina, il Giudice dr. Antonio Masone ha emesso la sentenza n. 1533/2019 avente ad oggetto l’appello proposto dal Comune di Terracina contro il verdetto del Giudice di Pace dello stesso comprensorio, dr. Giovanni Pesce, il quale aveva accolto il ricorso di un utente che si era opposto ad verbale di contravvenzione al codice della strada. Una sentenza storica, un risultato epico per l’avv. Roberto Iacovacci specializzato in opposizione avverso sanzioni amministrative, verbali ed infrazioni al codice della strada, il quale ha curato prima i ricorsi accolti sulla Frosinone-Mare ed ora, con altrettanto successo, sta contestando i più recenti della superstrada Terracina-Fondi.
Il Comune che posiziona sulle strade i dispositivi atti a rilevare la velocità di percorrenza attraverso il Tutor è obbligato a presegnalare la presenza della postazione con apposita segnaletica verticale, che specifichi il controllo elettronico della velocità “media”, altrimenti la sanzione emessa per violazione al Codice della Strada perde la sua legittimità. Il cartello “controllo elettronico della velocità” non è adeguato al sistema tutor per il rilevamento a distanza proprio perché non specifica che si tratta della velocità media. La dicitura è opportuna esclusivamente per gli autovelox, che misurano la velocità puntuale di percorrenza. È il principio della “massima trasparenza”, riportato dallo stesso Codice della Strada, che obbliga il Comune alla preventiva segnalazione: se viene violato questo, l’effetto è la nullità della sanzione per eccesso di velocità.
Il Tribunale di Latina si è pronunciato respingendo il ricorso del Comune di Terracina, il quale aveva impugnato il provvedimento già reso dal giudice di pace a favore di un automobilista, magistralmente e vittoriosamente assistito dall’avvocato Roberto Iacovacci, che aveva ottenuto l’annullamento della contravvenzione a suo carico per aver superato il limite di velocità media di 80km orari sulla SS7 Galleria di Montegiove.
Nella sentenza oltretutto il giudicante ritiene che il sistema tutor di rilevamento della velocità media abbia una maggiore efficacia dissuasiva per effetto della maggiore estensione del controllo rispetto all’accertamento meramente puntuale dei velox. Per cui informare adeguatamente gli automobilisti rispetto al monitoraggio esteso significa meglio tutelare la sicurezza degli utenti, indotti alla prudenza ed al rispetto della velocità per l’intero tratto soggetto a controllo strumentale, a tutto vantaggio dell’incolumità e della sicurezza della circolazione stradale. Il Tribunale ritiene, quindi, che adeguare i cartelli sia di pubblica utilità.
Il rigetto del ricorso presentato dal Comune di Terracina conferma la sentenza già prodotta dal Giudice di Pace. Spese compensate per la totale novità della questione affrontata, ma il Comune appellante si vedere raddoppiare il contributo unificato dovuto.
È da specificare che il Comune di Terracina, come si vede nel video realizzato ad inizio settimana, ha provveduto ad integrare la segnaletica rendendola opportuna, legittimando anche le sanzioni rilevate.
Sara Pacitto

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE