Aggiornato alle: 04:00 di Giovedi 24 Settembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Focus Agricoltura – Emergenza Valle del Sacco, gli agricoltori “celebrano” i 15 anni di lockdown dalle proprie attività

 ULTIME NOTIZIE
Focus Agricoltura – Emergenza Valle del Sacco, gli agricoltori “celebrano” i 15 anni di lockdown dalle proprie attività
04 Agosto
14:10 2020
Sono trascorsi 15 anni da quando è stata dichiarata l’emergenza della Valle del Sacco. Dal 2005 gli agricoltori vivono una sorta di lockdown delle proprie attività, subendo provvedimenti superati che hanno portato ingenti danni mai risarciti e al divieto di coltivazione, anche se attualmente la situazione è migliorata come evidenziano le analisi e i monitoraggi.

Gli agricoltori in questi anni hanno sostenuto spese rilevanti per effettuare le analisi sui prodotti e terreni e la perimetrazione provvisoria dei campi. Dopo 15 anni però l’emergenza sembrerebbe essere superata, come dimostrano le analisi e c’è quindi l’esigenza di aggiornare la perimetrazione dei terreni e di autorizzare coltivazioni su quei campi in cui non sono stati rilevati prodotti contaminati. Spiega la situazione il vice presidente di Confagricoltura di Frosinone Fabio Corsi annunciando battaglia qualora non venga aggiornata la questione “emergenza Valle del Sacco”. “L’emergenza della Valle del Sacco, ormai dal maggio 2005, penalizza profondamente la vita delle aziende agricole del territorio. Fino ad oggi, a fronte delle ingenti somme spese per analisi, solo per la prima caratterizzazione euro 323.658,00, la “perimetrazione provvisoria” è ancora in vigore, con il blocco di ogni attività agricola, danni ingenti mai risarciti. Tutto ciò nonostante le analisi dimostrino la conformità dei terreni e sanciscano la possibilità per gli agricoltori di tornare ad utilizzarli. È dunque decaduta, ormai da sei anni, la giustificazione dell’urgenza, motivi per i quali Confagricoltura Frosinone chiede che si tenga conto degli esiti delle analisi effettuate sottolineando l’esigenza di un aggiornamento della perimetrazione dei terreni agricoli ripariali in virtù dei monitoraggi e delle analisi effettuate sia sui terreni che sui prodotti agricoli, autorizzando da subito la coltivazione dei terreni per i quali non sono mai state rilevati prodotti contaminati.” Sottolinea Fabio Corsi: “Si sta impedendo di produrre su terreni bloccati non in virtù di evidenze scientifiche, bensì di un provvedimento iniquo e superato, si sequestrano prodotti che all’esito delle analisi non sono semplicemente conformi perché i contaminanti sono presenti nei limiti di legge, ma spesso sono addirittura “non rilevabili” o “al di sotto dei limiti di rilevabilità”, quindi non prodotti buoni, ma ottimi!

In questo modo facciamo un danno doppio: all’agricoltore e al consumatore, al quale facciamo invece mangiare prodotti di dubbia provenienza e spesso non controllati affatto e/o difficilmente controllabili. Inoltre è lecito chiedersi in tempi drammatici come questi, se abbia un senso a distanza di 15 anni parlare ancora di emergenza dopo aver speso risorse pari a 34.640.000,00 € alimentando inevitabilmente il disorientamento e l’incertezza tra le imprese agricole, private delle risposte necessarie per una indispensabile pianificazione aziendale. La causa di tutto ciò è imputabile ad una disinvolta e inattinente gestione di tutti gli organi preposti, che in 15 anni ancora non sono riusciti a bonificare un metro quadro di terreno agricolo”. Per quanto concerne gli indennizzi, a fronte dei 97 milioni stanziati, agli agricoltori sono andati soltanto poco più di 100 mila euro perché il bando per la richiesta dei ristori è durato solo sei giorni e molte domande sono state scartate. Il presidente di Confagricoltura Frosinone Vincenzo del Greco Spezza denuncia: “Chiediamo che vengano riaperti i termini di presentazione delle domande e data la possibilità di ripresentare l’istanza per coloro che non hanno avuto notizia e per coloro che hanno presentato una richiesta incompleta o parziale. Oltre gli indennizzi Confagricoltura sta valutando di far partire un’azione risarcitoria a favore di coloro che pur avendo accertato l’inesistenza di qualsiasi forma di contaminante continuano a subire un blocco insieme ad un danno di immagine ingiustificato”.

Anna Ammanniti

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA
SOCIAL
TOP NEWS