Aggiornato alle: 23:00 di Giovedi 20 Febbraio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ferentino – Lago di Canterno al via la bonifica, sopralluogo di Buschini

 ULTIME NOTIZIE
Ferentino – Lago di Canterno al via la bonifica, sopralluogo di Buschini
09 Giugno
18:30 2017

 

 

 

Il Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi sta procedendo al recupero e allo smaltimento delle carcasse di pesci, grazie anche al lavoro dell’associazione Carpe Diem di Frosinone impegnata nel recupero dei pesci morti e nella bonifica del lago di Canterno, nel rispetto delle prescrizioni igienico-sanitarie. Lo ha reso noto oggi l’avvocato Bruno Marucci presidente del Parco in questione, che ha effettuato il sopralluogo con l’assessore regionale Mauro Buschini (nella foto).

Si attende ora il risultato delle analisi della Asl che aveva provveduto al prelievo di campioni di acqua e delle carcasse per le verifiche, in seguito al fenomeno che ha interessato il bacino. In mattinata l’assessore Buschini ha effettuato il sopralluogo per verificare lo stato della bonifica e ha ringraziato il presidente del Parco Marucci nonché i ragazzi di Carpe Diem per il prezioso lavoro. “Attendiamo gli esiti ufficiali delle analisi prima di esprimerci definitivamente sulle cause del fenomeno che ha interessato il lago di Canterno – ha spiegato l’avv. Marucci -. Dalle prime informazioni, in ogni caso, emerge che la causa sia la scarsa ossigenazione delle acque, derivante dalle elevate temperature del periodo e da un limitato quantitativo di acqua presente nel bacino. Le operazioni di bonifica e smaltimento procedono spedite. Mi preme rivolgere un sentito ringraziamento all’associazione Carpe Diem per l’impegno e all’assessore Buschini che ha seguito l’iter per l’inizio della bonifica del sito, che potrà così essere restituito a cittadini e turisti che, specie nella stagione estiva, ne approfittano per trascorrere intere giornate al lago di Canterno”. Nei giorni scorsi in merito era intervenuto l’assessore all’ambiente del Comune di Ferentino Franco Martini (la città gigliata è titolare del 60% dello specchio d’acqua), che si era appellato al nuovo ente gestore perché intervenisse in fretta.

Aldo Affinati

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE