Aggiornato alle: 09:36 di Sabato 23 Febbraio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ferentino – Derby sospeso per lancio di bomba carta, il dirigente Zera sta meglio!

 ULTIME NOTIZIE
Ferentino – Derby sospeso per lancio di bomba carta, il dirigente Zera sta meglio!
11 Febbraio
13:00 2019

 

 

 

 

 

 

 

(di Anna Ammanniti) Si è scritta ieri un’altra assurda pagina di sport, il derby tra Alatri – Ferentino, giocato allo stadio comunale Chiappitto, è stato sospeso in seguito all’esplosione di una bomba carta, che ha provocato lo svenimento del dirigente gigliato Marcello Zera, rimasto a terra stordito e dolorante.

Il Ferentino vinceva 1 a 0 quando è stata lanciata una bomba carta, molto probabilmente dalle tribune, in quanto il fumo dell’esplosione è apparso dietro le panchine.  L’uomo è stato trasportato immediatamente all’ospedale e i giocatori in campo hanno deciso di non riprendere a giocare. La partita è stata quindi sospesa al 12’ del secondo tempo per il lancio della bomba carta. Marcello Zera sta meglio, è tornato a casa. È stato visitato e la tac di controllo ha dato esito negativo, se la caverà con sette giorni di prognosi.  Il dirigente del Ferentino è ancora molto scosso per la paura, questa mattina è stato visitato dall’otorino, non ci sono lesioni al timpano, al momento ancora non si sa se ci sono traumi sulla mandibola e dalla parte del collo, ma fortunatamente sono escluse complicazioni più gravi. Il figlio Alessandro ringrazia tutte le persone che con telefonate e messaggi hanno espresso solidarietà. Persone del mondo del calcio che si dissociano da simili gesti. Alessandro ringrazia la sua squadra e i giocatori dell’Alatri che hanno deciso di non giocare la partita.

Un segnale forte e chiaro, un segnale che dice no “alla violenza nello sport”. La tifoseria dell’Alatri è recidiva per il lancio di bombe carta, due anni fa successe la stessa cosa durante il derby Alatri – Anagni, del campionato di Promozione. In quell’occasione esplosero due bombe carte, lanciate dal settore locale. Una bomba carta fu lanciata dietro la panchina ospite e il secondo portiere anagnino andò a finire all’ospedale con un forte trauma. Questi gesti di pura inciviltà vanno duramente condannati e combattuti, questi delinquenti prestati al mondo del pallone, vanno immediatamente allontanati dalle strutture sportive. Sono persone che fanno solo male allo sport e diventano pericolosi quando danno sfogo alla propria inciviltà. Questi gesti devono essere prevenuti e controllati, non si può trasformare una partita di calcio in un momento di sfogo delle proprie frustrazioni e di disagio. Nella gara della domenica i calciatori mettono in campo i principi di sano sport e competitività, mettono in campo i sacrifici di un’intera settimana passata tra lavoro ed allenamenti e tutto va letteralmente “in fumo” a causa di delinquenti comuni, che senza rispetto e senza alcuna ragione, decidono di rovinare una giornata di sport, in nome di che cosa? Essendo il fatto recidivo, è richiesta maggiore attenzione da parte degli organi competenti e che queste persone, una volta individuate, vengano allontanate per sempre dagli impianti sportivi, per preservare l’incolumità pubblica. Certa gente non deve mettere più piede dentro le strutture sportive!

Anna Ammanniti

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE