Aggiornato alle: 04:00 di Lunedi 17 Febbraio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ferentino – Carabinieri Forestale: contrasto all’abbandono di rifiuti solido urbani

 ULTIME NOTIZIE
Ferentino – Carabinieri Forestale: contrasto all’abbandono di rifiuti solido urbani
14 Febbraio
18:00 2020

 

 

 

Nei giorni scorsi in località Volta dei Canonici, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Anagni, guidati dal comandante Fabio Castellucci, hanno scoperto un cospicuo quantitativo di rifiuti solido urbani di tipo indifferenziato, abbandonati al suolo all’interno di grossi sacchi neri.

Attraverso gli indizi rinvenuti dall’analisi dei rifiuti medesimi i militari sono riusciti a risalire agli autori dell’illecito ai quali sono state elevate sanzioni amministrative, dell’importo pari ad euro 600,00 ciascuna, unitamente all’obbligo di rimuovere i rifiuti abbandonati che, qualora non venisse ottemperato, comporterà per loro una ulteriore sanzione nonché l’addebito delle spese sostenute dall’Amministrazione comunale per ripulire le aree interessate quale azione risarcitoria. Questo è soltanto l’ultimo abbandono di rifiuti urbani scoperto in ordine di tempo dai Carabinieri Forestali per quella che purtroppo risulta essere una problematica ancora assai frequente in buona parte del territorio provinciale, dove soggetti privati, dotati di scarso senso civico, perseverano in tale condotta scorretta malgrado i capillari servizi di raccolta porta a porta dei rifiuti urbani attivati dalle Amministrazioni comunali e la presenza delle numerose oasi ecologiche dove tutti i cittadini posso conferire ogni genere di rifiuto domestico. Pertanto sarà mantenuta alta l’azione di controllo dei Carabinieri Forestali mirata al contrasto dell’incivile pratica dell’abbandono al suolo dei rifiuti che oltre cagionare seri danni all’ambiente ed a costituire fonte di degrado urbano, comporta anche dei costi economici significativi a carico dalle Amministrazioni locali e quindi dei contribuenti. (comunicato stampa)

SOCIAL
LE PIU' LETTE