Ferentino – Campo occupato per la squadra di calcio costretta ad emigrare, reazioni e polemiche | TG24.info
Aggiornato alle: 10:28 di Martedi 18 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ferentino – Campo occupato per la squadra di calcio costretta ad emigrare, reazioni e polemiche

 ULTIME NOTIZIE
Ferentino – Campo occupato per la squadra di calcio costretta ad emigrare, reazioni e polemiche
28 Febbraio
22:45 2019

 

 

 

Reazioni e polemiche nelle ultime ore a Ferentino, poichè la locale squadra di calcio, che milita nel campionato di Promozione laziale, domenica prossima è costretta a giocare la sua gara interna sul campo di Supino (ore 15) anzichè nel proprio stadio comunale (nella foto) occupato dalle giovanili del Frosinone calcio.

Le indignazioni di alcuni tifosi e cittadini ferentinati sono spuntate sui social e il consigliere comunale di opposizione Luca Zaccari attacca duramente gli amministratori cittadini: “Un’altra tegola sulla nostra città – tuona Zaccari -. L’Asd Ferentino calcio è costretta a giocare a Supino per le restrizioni sul campo comunale di Ferentino dato in gestione al Frosinone. Una situazione paradossale, dopo che gli utenti di Ferentino subivano già limitazioni per usifruire della pista di atletica. Non gli viene consentito di usufruire appieno della struttura per fare jogging. Ora siamo al limite davvero. Ci sentiamo ospiti a casa nostra. Per l’amministrazione comunale nulla sarebbe cambiato per la città. Invito il sindaco Pompeo e l’assessore allo sport Martinez ad intervenire per consentire alle nostre squadre di poter giocare a Ferentino. Per mantenere viva una passione che a fatica i privati cercano di fare, provando pian piano, con investimenti economici notevoli, a riportare il Ferentino calcio su palcoscenici che la nostra città merita. I cittadini sono delusi dall’allontanamento della società calcistica dallo stadio comunale. Stiamo morendo sotto il punto di vista sociale e accade ciò senza ritegno. La Città dello Sport doveva portare a Ferentino qualcosa in più, non qualcosa in meno; un divieto continuo. Chiedo all’assessore allo sport Martinez – conclude Zaccari – di riportare la situazione alla normalità oppure le dimissioni, per avere avallato la perdita di un patrimonio cittadino a scapito dei tanti utenti, che ogni giorno vorrebbero usufruirne ma non ne hanno più il diritto”. Logicamente la “trasferta” a Supino penalizza la formazione amaranto, che tra l’altro dovrà affrontare anche dei costi.

Parole Chiave - Tags

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS