Aggiornato alle: 04:00 di Venerdi 23 Ottobre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Editoriale – Sora, maggioranza De Donatis: scandalo per inadempienze ed affidamenti

 ULTIME NOTIZIE
Editoriale – Sora, maggioranza De Donatis: scandalo per inadempienze ed affidamenti
16 Febbraio
18:35 2020

 

 

 

(di Alessandro Andrelli) Martedì scorso (11 febbraio), il Segretario Generale del comune di Sora, in qualità di Responsabile dell’Anticorruzione e della Trasparenza, è stato costretto a ricordare formalmente ai titolari di incarichi politici gli obblighi di pubblicazione. Lo ha fatto attraverso una mail perché, superata quasi da due mesi la scadenza imposta, l’adempimento in merito alla situazione reddituale dell’anno 2019, per i redditi del 2018, è ancora disatteso da troppi componenti dell’amministrazione De Donatis.

La famosa piattaforma “della trasparenza” e “dell’aria nuova”, tanto inneggiata in campagna elettorale, si distingue ancora una volta per tenebre e nebbia fitta, quindi pubblicare quanto dovuto per legge resta un optional nella mente di molti. I sorani sono stati ingannati e continuano ad esserlo sotto ogni punto di vista. A quattro anni di distanza, non si capisce di quale “cambiamento” parlasse “la scialuppa” di De Donatis in campagna elettorale, perché sembra che la vera linea adottata sia quella del “meno si fa sapere, meglio é!”. Da qui, rendere pubblici gli atti sembra diventato superfluo (atti immediatamente esecutivi sono stati pubblicati dopo mesi dall’adozione, addirittura sembra che alcuni non siano stati pubblicati per niente) e l’accesso, da parte dei consiglieri di minoranza (dovrebbe essere consentito all’istante!!!) sarebbe trasformato in una vera e propria odissea.
La nebbia e l’acqua torbida, da sempre, rendono facile agire senza alcun tipo di controllo. Il rispetto della legge?!? Sembra non contemplato nel marasma complessivo della piattaforma squassata di De Donatis, la peggiore della storia. È bene, allora, cercare la chiarezza, evidenziando alcuni particolari per far capire meglio ai cittadini cosa stia realmente accadendo. Sul sito della trasparenza salta agli occhi il compenso di 22.500 euro/anno riconosciuto al dott. Giannotti, quale presidente del Nucleo di Valutazione, che per non si sa bene quale legge speciale vigente nel Comune di Sora, oramai Stato a sé, continua ad incontrare RSU e sigle sindacali e a parlare di ricostruzione di fondo e di salario accessorio, come fosse il dirigente dell’Ufficio Personale. Allora o ci sfugge qualche norma che conferisce al Presidente del Nucleo di Valutazione questo compito (se così fosse i precedenti Presidenti cosa sono stati a fare?) oppure a Sora oramai si procede solo per fantascienza. A fronte di dirigenti, lautamente retribuiti, per risolvere i problemi, è necessario pagare un soggetto terzo che, per di più senza titolo alcuno, si occupa di cose non di sua competenza. Di fatto è la stessa fantascienza che possiamo leggere negli autoproclami dettati alle penne amiche in questi quattro anni di governo, per raccontare delle vere e proprie favole politiche, basate su niente. De Donatis e Bruni si sentono in diritto di attribuirsi meriti altrui, decantando per propri tutti i finanziamenti ottenuti sulle scuole dall’amministrazione Tersigni. Tanto innamorati degli istituti scolastici hanno dimenticato che a pochissimi giorni dall’inizio del nuovo anno 2019/2020, ancora non era partita la manutenzione dei plessi, tanto da essere costretti, a scuola iniziata, a chiudere la sede di Campopiano per permettere la manutenzione dell’impianto termico e della caldaia. Vergogna!!! Assoluta vergogna politica per questi soggetti che di fatto hanno solo “il merito” di aver impiegato anni per concretizzare procedure di affidamento di finanziamenti, non ottenuti di certo da loro e che oggi rischiano addirittura di essere persi.

In questo marasma di bugie, dette soltanto per ingannare la gente (cercano disperatamente di farsi rivotare!), balzano agli occhi “gli orrori” commessi negli affidamenti di progettazione, direzione lavori e sicurezza inerenti gli interventi sugli edifici scolastici. Tali servizi (per ignoranza o per calcolo???) risultano essere stati tutti spezzettati ed affidati in modo diretto, perché risultanti sotto soglia, in quanto considerati singolarmente. Il tutto senza ritegno, anche a fronte di offerte ridicole o perché irrisoriamente scontate (qualche centinaia di euro) o perché addirittura uguali a quelle di Quadro Economico. Talmente scientifici e solerti nell’affidare (sono così interessati alle scuole!!!) nessuno si è curato di applicare la legge e di operare secondo quanto sancito dalla stessa. Ricordiamo al dirigente e al Responsabile Unico del Procedimento, su cui ricadono i reati penali e civili, quanto sancito dall’art. 35 del D. Lgs. 50/2016. Per quanto leggiamo noi, è illegale negli appalti spezzettare gli importi dei servizi correlati ad un lavoro, per abbassare la soglia e ricadere in procedure semplificate.

Ma De Donatis, la sua maggioranza ed i suoi dirigenti (nominati ad personam) pensano davvero che i cittadini sorani siano scemi? Credono veramente che la gente, professionisti e non, girino con l’anello al naso guardando in cielo gli asini che pensano di far volare con i tanto esaltanti proclami? Mai vista tanta faccia tosta politica e metodo scientifico nel prendere in giro la gente!!! E mentre con De Donatis, la Paolacci, Bruni e Caschera avviene tutto ed il contrario di tutto, senza il minimo rispetto della legge, non c’è nessuno che pensi minimamente alla città. Sora muore ogni giorno di più sotto il peggior governo mai visto che, non contento degli innumerevoli danni fatti, vuole anche ricandidarsi.

In merito agli affidamenti contra legem (e sono molti!!!), su cui il Segretario Generale, in qualità di Responsabile della Prevenzione alla Corruzione, era tenuto a vigilare, ci si aspetta che si prendano tutti i provvedimenti dovuti. Sora ed i sorani attendono fiduciosi il futuro… il 2021 è vicino!!!

Alessandro Andrelli

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS