Aggiornato alle: 08:00 di 18 Agosto 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Editoriale – Sora, la gente urla: “De Donatis a casa”… i redditi zero rispondono “No! No! No!”

 ULTIME NOTIZIE
Editoriale – Sora, la gente urla: “De Donatis a casa”… i redditi zero rispondono “No! No! No!”
12 Maggio
16:15 2019

 

 

 

 

(di Alessandro Andrelli) La giunta delibera un nuovo assetto per i dipendenti del Comune di Sora e il Palazzo di Corso Volsci si trasforma di nuovo. Dopo tre anni dall’insediamento della maggioranza di De Donatis, si concretizza la riorganizzazione 3.0 (la 2.0 sembra essere stata saltata a pie’ pari perché sbagliata in partenza) a dimostrazione dell’assoluta incapacità del gruppo di governo nel fare.

Dopo aver sfasciato totalmente la macchina amministrativa per ripicche, vendette e punizioni mirate, si riparte da capo! C’è chi, dopo tanto riposo forzato, torna allo stesso ruolo che aveva con il sindaco Tersigni e chi vede il proprio ufficio smembrato dalla non consapevolezza amministrativa e dall’incapacità di governare. Alcune scrivanie si riposizionano nelle stanze di partenza, riassumendo i tre anni trascorsi in un nulla di fatto, mentre c’è chi si trova ad essere (sembrerebbe dopo cene e cenette!!!) “astro splendente” e cardine del peggior gruppo di governo che si ricordi a memoria d’uomo. Il tutto mentre non si comprende la fine del fondo destinato ai dipendenti e si cerca di giocare senza scrupoli (come sempre del resto!!!) sulle indennità, sulla produttività, sulle progressioni e sugli straordinari, per non dare il dovuto a nessuno, tra i “non ricordo” e i “non avete capito”.

Altissimo il malcontento che rischia di esplodere per i diritti che sembrano lesi. Povera Sora, davvero povera Sora e poveri sorani che sono costretti a sorbirsi Bruni, nell’ennesimo incontro per la riqualificazione del quartiere Costantinopoli. Lavori per la realizzazione di un campo da mini golf che, tradotto in parole semplici, sono di fatto 500mila euro di debiti (è stato contratto un mutuo per la realizzazione dell’opera), sulle spalle di un popolo messo già in ginocchio dall’aumento dell’11% sulla tassa dei rifiuti e da una realtà a pezzi. È possibile che in una città allo sbando, tra negozi chiusi e nessuna possibilità di lavoro, Bruni e tutta l’Armata pensino che la gente desideri davvero giocare a golf? È giustificabile che non si rendano conto della realtà? La scialuppa di De Donatis è affondata nel mare della pazzia e della illogicità politica, trascinando il Comune e l’intera città con sé, perché nonostante gli articoli quotidiani di auto proclamazione del “nulla cosmico” della maggioranza più incapace che mai si potesse ipotizzare, Sora è polverizzata. Se i rappresentanti di governo avessero dignità politica e amor proprio ascolterebbero il volere del popolo e scapperebbero di notte per far perdere ogni traccia, invece… NON SE NE VOGLIONO ANDARE! Così a fronte della gente che continua ad urlare “De Donatis a casa!!!” i redditi zero rispondono “No! Noi no!!!”. Nessuna meraviglia in proposito… come farebbero a vivere senza il Comune?

Alessandro Andrelli

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE