Editoriale – Sora: è shock per le nuove assunzioni in Comune, mai così in basso! | TG24.info
Aggiornato alle: 21:00 di Venerdi 7 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Editoriale – Sora: è shock per le nuove assunzioni in Comune, mai così in basso!

 ULTIME NOTIZIE
Editoriale – Sora: è shock per le nuove assunzioni in Comune, mai così in basso!
02 Maggio
15:06 2021

 

 

(di Alessandro Andrelli) La maggioranza De Donatis approva all’unanimità il bilancio, dimostrando che la politica sorana del 2021 resta ferma ed interessata soltanto al “do ut des” (do per avere) e per niente si cura del bene della città. Il gruppo di maggioranza fedele a Di Stefano (Baratta, De Gasperis, Mosticone e Floriana De Donatis) si sarebbe nuovamente allineato ed avrebbe (ancora una volta!!!) appoggiato il peggior sindaco che Sora abbia mai avuto negli ultimi 50 anni, per portare a casa il nominativo del revisore dei conti della società in house Ambiente e Salute Srl.

Da quello che si dice e si afferma in giro, i “fantastici quattro” avrebbero “venduto” politicamente se stessi per ricreare il vecchio asse Altobelli-Di Stefano (anche per la prossima campagna elettorale) che tanto ricorda il buio degli anni novanta e tanto ha il sapore di quella vecchia politica e dei danni ad essa correlati. E se da una parte ci si sarebbe “venduti” per questa nomina e per un “ritorno al passato”, gli altri avrebbero trovato la quadra nelle Deliberazioni n. 41/2021 e 43/2021 (leggi qui), con cui una Giunta “monca” (manca un assessore!) ha dato l’ultimo colpo di grazia alla città ed al comune attraverso una modifica che grida vendetta sul Regolamento degli Uffici e dei Servizi ed ha approvato la Programmazione Triennale del Fabbisogno del Personale 2021-2023 Piano Occupazionale 2021 che fa urlare ancora di più.
Uno scandalo vero e proprio che, per soddisfare i desiderata di pochi, anzi pochissimi!, condanna inesorabilmente il futuro e prende in giro tutta Sora, a cominciare dai dipendenti e finire con i cittadini tutti. Una vergogna politica senza eguali che veramente non ha paragone. Certo ci vuole coraggio da parte dell’attuale maggioranza per aprire bocca e difendere uno scempio del genere a fine legislatura, quando ovunque in città (corridoi del comune inclusi) le chiacchiere sarebbero infinite e girerebbero con precisione nomi e cognomi dei futuri assunti come dirigenti (con procedura concorsuale ancora da fare!!!) e delle graduatorie “vicine” da cui scegliere i nuovi nominativi da prendere che sarebbero stranamente correlabili ai politici attuali. Sarà vero tutto ciò? Si scoprirà a breve perché sembra che la procedura sia stata avviata di tutta fretta e le carte siano già state mandate alla Funzione Pubblica. Di certo tanti i particolari che fanno riflettere in primis pochissimo tempo che intercorre prima delle elezioni e porterebbe a pensare a scambi di voto. Salta anche inesorabilmente all’occhio la necessità comunale di acquisire soli profili amministrativi e di polizia locale. Cosa che lascia a dir poco allibiti a fronte di un Ente che ha perso tanti tecnici negli ultimi anni ed ha servizi scoperti o fortemente depotenziati. A tale “stranezze” si aggiunge il fatto che quanto deciso per le categorie C, D e la dirigenza della polizia locale venga risolto tramite graduatorie del territorio (guarda un po’!!!) mentre i due posti da dirigente amministrativo saranno assegnati per concorso riservato agli interni per 50% con la giustificazione di far crescere il personale dell’Ente.
Uno show senza fine che non riuscirebbe a nascondere la presa in giro studiata ad hoc per i dipendenti e per i sorani. Così in comune, ed anche fuori, si griderebbe allo scandalo perché il discorso proprio non regge e porterebbe a pensare di tutto e di più. Sarebbero adirati tutti i dipendenti comunali automaticamente esclusi dalla possibilità di crescere (tale chance è riservata solo al futuro dirigente che avrebbe già un nome e un cognome) così come tantissimi cittadini fatti automaticamente fuori da un procedimento che bloccherà il comune da un punto di vista assunzionale per decine di anni.
Se questa amministrazione aveva toccato il fondo, per i tanti debiti contratti senza realizzare nulla che serva davvero e che porti giovamento alla città, per lo sfacelo amministrativo e di decoro evidente ovunque, per l’asfalto elettorale ed i dossi montati e smontati a seconda dei voti da avere e per gli errori continui ovunque anche su atti amministrativi importanti (basta guardare l’ultimo consiglio comunale con Delibere e allegati piene di refusi ed incongruenze imbarazzanti), ora la piattaforma di De Donatis è entrata in un buco nero con Sora interamente contro che griderebbe allo scandalo a fronte di una maggioranza ricompattata per prendere ancora per sé senza lasciare niente alla città. Ma come Sora si è ridotta così? Come si è fatta ingannare fino a questo punto? Come fa a sentirsi rappresentata da tanta bassezza politica? Sono questi i rappresentanti che veramente rispecchiano i sorani? Impossibile credere a ciò!!! Sora piange se stessa ed al contempo si prepara a voltare pagina. È stanca e vuole cambiare le cose. È l’ora della competenza e di cose fatte bene. Per fare questo è necessario resettare la vecchia politica e iniziare un percorso nuovo fatto non di interessi, non di incarichi ad personam, non di promozioni professionali, né di sorrisi vuoti, ma di assoluta capacità indispensabile per girare pagina e iniziare un nuovo percorso.

Alessandro Andrelli

 

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS