Aggiornato alle: 20:30 di Lunedi 13 Luglio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Collepardo – Tutti in marcia per la Certosa

 ULTIME NOTIZIE
Collepardo – Tutti in marcia per la Certosa
28 Dicembre
15:00 2018
Da quando il bellissimo gioiello cistercense è in mani “straniere”, il malcontento è sempre più radicato, da chi vorrebbe poter visitare il bene senza limiti, senza pagamenti e condizioni ostative a chi non vorrebbe vederlo trasformato in una roccaforte degli ultraconservatori cattolici. Ecco le motivazioni dei promotori e la risposta del presidente della DHI, Harnwell.

Non è ribellione, ma consapevolezza”. Inizia così il post dell’ex consigliera regionale del Lazio Daniela Bianchi che ribadisce le motivazioni della manifestazione di domani a Collepardo. “Semplicemente la consapevolezza di un territorio custode di un patrimonio naturale, culturale, architettonico di enorme valore- prosegue- E’ esercizio di questa consapevolezza per non chiudere la porta alla possibilità di consentire alla Certosa di continuare ad essere all’altezza della propria storia…”.

La manifestazione di domani si compone di due parti: la prima è la marcia vera e propria, quando i convenuti con appuntamento alle 9.30 nella piazza di Collepardo, partiranno insieme alla volta di Trisulti; dopo il ritorno a Collepardo agevolato dai mezzi messi a disposizione dal Comune, invece, si terrà la seconda parte, ovvero il dibattito pubblico alle ore 15.00 nella sala consiliare del municipio.

La ricchezza è di chi custodisce il senso delle cose per restituirlo giorno dopo giorno e non per farlo prigioniero di un pensiero totalizzante”. Lo scrive Comunità Solidali della provincia di Frosinone, la rete di associazioni, cittadini e cittadine, movimenti, uniti per l’accoglienza contro ogni forma di odio, razzismo e discriminazione.

Ricordiamo che a inizio anno, la fondazione Dignitatis Humanae Institute si è aggiudicata la concessione della Certosa di Trisulti, rappresentata dal presidente Benjamin Harnwell, molto vicino a Steve Bannon, l’ideologo cattolico che ha anche curato parte della campagna elettorale di Trump. Il presidente del comitato della DHI è il Cardinale Raymond Burke, il più esplicito critico di Papa Francesco in Vaticano. Sul bando del governo italiano c’è da dire che prevede regolare concessione di 19 anni per il bene architettonico collepardese con un canone di 100.000 euro l’anno, diminuito in percentuale in base ai costi sostenuti per ristrutturazioni e migliorie. Anche dell’esistenza di questi lavori o meno si chiederà conto domani.

Dalla DHI arriva la chiara e ferma dichiarazione di Benjamin Harnwell che ha confermato che sarà presente al dibattito in Comune: “Per mesi tutti hanno letto gli attacchi e le accuse oltraggiose contro di me sulla stampa. Adesso è giunto il momento per coloro che mi accusano di giustificarsi (spiegarsi). Per quanto riguarda me, non vedo l’ora di difendermi, la mia associazione, i progetti meravigliosi che abbiamo preparato e- specialmente- di difendere la reputazione di uno degli statisti più importanti del nostro secolo, Steve Bannon”.

Non resta che vedere cosa accadrà domani.

And. Tag.

SOCIAL
LE PIU' LETTE