Aggiornato alle: 19:02 di Lunedi 13 Luglio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Collepardo – Trisulti, il cardinale Burke prende le distanze da DHI

 ULTIME NOTIZIE
Collepardo – Trisulti, il cardinale Burke prende le distanze da DHI
26 Giugno
17:02 2019
In una lettera pubblica ufficiale l’alto Prelato ha messo i puntini sulle “i” negando qualsiasi legame attuale con Bannon e rinunciando al ruolo nell’Istituto che ancora ha in gestione la Certosa. a far “traboccare il vaso” pare siano le ultime esternazioni del leader sovranista sulla ‘Lobby Gay’ in Vaticano.

<<Non ho mai lavorato con Bannon nella sua organizzazione e non lo faccio attualmente >>. E’ una delle affermazioni contenute nella lettera del cardinale americano Raymond Burke, che da febbraio era subentrato quale Presidente onorario nella DHI al posto del Cardinale italiano Raffaele Martino e che ora rinuncia all’incarico. Pare, quindi, che l’associazione abbia perso il suo “patron” più potente, come conseguenza del forte legame che oggi il DHI ha stretto con Steve Bannon e alle posizioni sempre più estreme prese dal magnate statunitense sulla Chiesa, in particolare, oggi, sul tema della cosidetta “Lobby Gay vaticana”. Nessuna novità sul fronte della procedura di revoca avviata dal Ministero e annunciata qualche settimana addietro, tutti i partecipanti alla tavola rotonda della biblioteca comunale di Alatri sul futuro della Certosa aspettano notizie certe dal Governo per poter cominciare a muoversi sui progetti in cantiere. DHI, dal suo canto, continua ad essere ancora il legittimo concessionario del bene cistercense ed ha annunciato ricorso avverso qualsiasi azione contraria all’assegnazione da parte dell’Avvocatura di Stato e del Ministero. Del resto già in tempi non sospetti, il presidente di DHI Benjamin Harnwell aveva dichiarato che nel caso di controversia con lo Stato, l’associazione avrebbe detto la sua come si fa normalmente nei problemi relativi ai contratti che “sono accordi tra due o più parti e tutti gli attori del contratto hanno diritto di dire la propria senza che qualcuno prenda decisioni unilaterali, altrimenti si finisce per adire alle vie legali” come pare sarà.

A.T.

 

 

SOCIAL
LE PIU' LETTE