Aggiornato alle: 22:39 di Giovedi 4 Giugno 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Cervaro – Scavo per piscina senza permesso, denunciato 62enne

 ULTIME NOTIZIE
Cervaro – Scavo per piscina senza permesso, denunciato 62enne
21 Maggio
22:32 2020
Nella giornata di ieri, i militari della locale Stazione Carabinieri, deferivano in stato di libertà un 62enne della zona, già censito per abuso d’ufficio, esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose, oltraggio resistenza e violenza a P.U., perché responsabile di abuso edilizio.

Gli operanti accertavano che il prevenuto aveva realizzato sul proprio terreno uno scavo di circa 11 mt. di lunghezza, 6 mt. di larghezza e 1,50 mt. di profondità’, per la costruzione di una piscina ad uso privato, in assenza del relativo permesso. L’intera area veniva sottoposta a sequestro preventivo e affidata in custodia giudiziale allo stesso.

Sempre i militari della Stazione di Cervaro, procedevano lungo la SR6 Casilina – località “Pastenelle”, al controllo di un furgone con a bordo un 46enne cassinate ed un 34enne di nazionalità nigeriana, censiti rispettivamente per sottrazione e/o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro, lesioni personali, estorsione, usura e lesioni personali colpose, e per inosservanza di provvedimenti di autorità, guida senza patente, circolazione di veicoli sprovvisti di assicurazione e stupefacenti, entrambi residenti nella Città Martire, i quali si aggiravano nei pressi di abitazioni del luogo. Ricorrendone i presupposti di legge, i suddetti venivano proposti alla Questura di Frosinone per la misura di prevenzione del F.V.O. con divieto di ritorno nel comune di Cervaro per anni tre.

A Cassino, i militari della Sezione Radiomobile della locale Compagnia, nella giornata odierna, procedevano al controllo di un 26enne della zona, già censito per danneggiamento, furto aggravato, evasione, violenza, minaccia, oltraggio a pubblico ufficiale e rapina mentre era nei pressi di obiettivi sensibili senza poter fornire una valida giustificazione circa la sua presenza sul posto. Ricorrendone pertanto i presupposti di legge, il suddetto veniva proposto alla Questura di Frosinone, per la misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Cassino per anni tre.

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE