Aggiornato alle: 10:30 di Mercoledi 16 Gennaio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ceprano – Vandali al giardino del senso civico, Galli: “Un gesto vile”

 ULTIME NOTIZIE
Ceprano – Vandali al giardino del senso civico, Galli: “Un gesto vile”
03 Maggio
14:51 2016
In seguito all’episodio di vandalismo che ha preso di mira le mani raffigurate nel giardinetto del senso civico all’interno della Villa comunale di Cassino, non si sono fatte attendere le reazioni da parte del mondo della politica. Ad intervenire anche il sindaco di Ceprano Marco Galli, da sempre molto sensibile a questo tipo di tematica. E’ stato lo stesso Galli, infatti, qualche settimana fa, a volere che nella sua città si tenesse la presentazione del libro dedicato a Roberto Mancini, il poliziotto che per primo indagò sui veleni interrati nella terra dei fuochi. Quel Roberto Mancini a cui era dedicata l’opera nella Villa comunale di Cassino.

Spiega Galli: <Un altro episodio di vandalismo contro un simbolo della legalità a Cassino. Stavolta è toccato alle mani che, sollevandosi dal terreno, vogliono ricordare le vittime dell’inquinamento criminale dei territori contro il quale, troppo spesso, poco si è fatto. Nel silenzio che, per anni, ha protetto gli untori mafiosi e non, in questa provincia come nel resto d’Italia, una voce ha urlato forte contro il malaffare, facendo accendere i fari sul buio della terra dei fuochi e sugli sporchi affari in questo territorio. Roberto Mancini, ispettore di polizia, ha rappresentato la punta più avanzata nel contrasto agli sporchi traffici delle organizzazioni criminali e il suo impegno sul campo lo ha pagato con vita, ammalandosi per aver respirato l’aria fetida dei siti avvelenati>. Continua il sindaco di Ceprano: <Mi chiedo perché accanirsi contro quell’opera semplice ma significativa che ricordava quest’uomo. Un uomo cui questa provincia deve qualcosa, se è vero, come scritto negli atti, che la banca “lavatrice”, che doveva custodire e ripulire i soldi sporchi dei casalesi, provento dell’avvelenamento dei territori, non aprì grazie alle sue indagini. Già perché quella banca doveva aprire qui in Ciociaria a Cassino, ma Roberto arrivò in tempo e l’operazione, immaginata da imprenditori locali e criminali sul più bello saltò>. Conclude Galli:<Ora è doveroso rispondere perché sia chiaro che questa terra ha scelto di stare, senza se e senza ma, dalla parte di “Roberto”>. CAP

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE