Ceprano – Ordinanza movida, Galli risponde a Castaldi: “Continua a farci divertire consigliere” | TG24.info
Aggiornato alle: 10:40 di Venerdi 24 Settembre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ceprano – Ordinanza movida, Galli risponde a Castaldi: “Continua a farci divertire consigliere”

 ULTIME NOTIZIE
Ceprano – Ordinanza movida, Galli risponde a Castaldi: “Continua a farci divertire consigliere”
30 Luglio
10:30 2020

 

 

Si fa sempre più bollente il clima politico in città, soprattutto a causa della ordinanza riguardante la movida firmata dal Sindaco Galli nei giorni scorsi. Nelle ultime ore c’è stato l’intervento del consigliere di opposizione Paolo Castaldi, che ha invitato Galli a dimettersi. Non si è fatta attendere la risposta del primo cittadino che, invece, invita Castaldi a “non dimettersi per continuare a far divertire la gente”.

Molto duro l’intervento del Sindaco, come sempre del resto quando si è trovato a rispondere alle accuse a ripetizione da parte dei consiglieri di opposizione. Spiega Galli: <Ne ho viste di tutti i colori, ma il Consigliere Castaldi, – profondo conoscitore delle dinamiche cepranesi come dimostrano le sue leggendarie vittorie alle elezioni comunali -, ha battuto per ora ogni record. Il Castaldi, infatti, senza neppure conoscere l’argomento su cui è intervenuto, si’intesta meriti che sono solo nella sua testa. Parla a vanvera dell’ordinanza nr. 59 attribuendosi il merito di una modifica che ancora non c’è, ma soprattutto, senza aver proferito una parola dal 23 luglio, su una questione estremamente spinosa. Non sapeva su quale fronte schierarsi, ma per il Consigliere non è una novità. Per chiarire; l’incontro con alcuni “titolari di esercizi commerciali” è avvenuto grazie al costante e prezioso lavoro del Vicesindaco, nonché assessore competente. Il risultato è stato l’impegno da parte del Sindaco di valutare quanto emerso dalla riunione>. Continua Marco Galli: <Ritengo che sia un atto di intelligenza e sensibilità ascoltare gli altri e, se necessario, rivedere anche decisioni precedenti. Per cui, se qualcosa cambierà sarà per tre elementi concordanti: l’opera certosina del Vicesindaco, la disponibilità e gli impegni assunti dagli intervenuti e la volontà del Sindaco di tutelare e far ripartire, in modo responsabilmente condiviso, la nostra città>. Ed ecco la conclusione molto pepata: <Si metta l’anima in pace il Consigliere Castaldi: lui non è stato in grado di dire mezza parola o proporre alcunché di utile quando sarebbe servito, dopodiché ha perso l’occasione per tacere, evitando pessime figure. Non dimetterti Consigliere Castaldi, continua a farci divertire>.

CAP

  •  

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS