Ceprano – Il “Pollicino” chiuderà a luglio: i genitori scrivono a Regione e Comune | TG24.info
Aggiornato alle: 04:00 di Sabato 19 Giugno 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ceprano – Il “Pollicino” chiuderà a luglio: i genitori scrivono a Regione e Comune

 ULTIME NOTIZIE
Ceprano – Il “Pollicino” chiuderà a luglio: i genitori scrivono a Regione e Comune
11 Aprile
07:05 2017

 

 

Lo scorso 3 marzo avevamo lanciato l’allarme, parlando di una probabile chiusura dell’Asilo nido “Pollicino” di via Don Luigi Catelli. In quel caso l’Assessore Cacciarella non smentì la notizia, parlando semplicemente di problemi di gestione. Ma già quello bastò per capire che prima o poi qualcosa sarebbe successo. Lo scorso 31 marzo, infatti, la Giunta Comunale ha deliberato la chiusura dell’asilo nido a partire dal prossimo 31 luglio. In seguito a questo atto arriva la dura presa di posizione del Comitato dei genitori dei bambini della struttura.

 


Nelle settimane scorse, dunque, si fece riferimento ad una gestione che vedeva nella struttura soltanto pochi bambini e che costava comunque alle casse comunali circa 170000 euro l’anno. Una situazione che ha spinto l’Amministrazione a decidere di andare avanti con la chiusura. La notizia, però, non è stato presa nel migliore dai genitori dei bambini che usufruiscono del plesso scolastico, che hanno inviato una lettera al Comune  e alla Regione Lazio. Si legge nella missiva: “Scriviamo questa lettera per manifestare tutta la nostra preoccupazione ed il nostro disappunto sulla chiusura dell’ Asilo nido comunale di Ceprano “Pollicino”.  La  Giunta  Comunale  con  delibera  n.  43  del  31/03/2017  ha  decretato la chiusura dell’unico asilo nido presente sul nostro territorio a decorrere dal prossimo 31 luglio.  Troviamo questa decisione ingiusta, tanto più se si considera che la stessa è stata assunta senza un vero  e  proprio  dibattito con  i  cittadini e senza che l’Amministrazione comunale, stante la serietà della questione trattata, abbia reso pubblica la questione, se non con la delibera richiamata>. I genitori ricordano la bontà dell’offerta prestata: <Per i nostri figli la frequenza al nido è stata un esperienza formativa di tutto rispetto, e pretendiamo che tutti gli altri bambini, in futuro, possano beneficiarne allo stesso modo.  Vale la pena sottolineare il valore professionale ed umano di tutte le educatrici e della cuoca che, da oltre un ventennio, prestano la loro attività a favore dei più piccoli e che si sono sempre occupate dei nostri figli come delle vere e proprie Zie. Il clima affettivo che si è creato all’interno di questa piccola comunità, tra le educatrici, i genitori e  soprattutto tra i bambini non ha eguali”. Ecco dunque un appello al Comune: “E’ per questo che, nonostante le difficoltà di bilancio del Comune, esigiamo che tutte le istituzioni valutino attentamente  questa  scelta,  anche  in  considerazione  del  fatto  che  ad  oggi  non è  dato comprendere quali sarebbero i risparmi ed i benefici  derivanti dalla prospettata chiusura.   Vale la pena tagliare questo servizio considerando anche che il Comune dovrà comunque sostenere costi per il sostegno dell’occupazione di tutto il personale in forza  presso il Nido?A  cosa  serve  un  piano  di  riequilibrio  finanziario  se  con  esso  non  si  riesce  a  salvare  neanche  il salvabile?   Il fatto che l’Asilo Nido accolga un numero  limitato  di  quattordici  bambini,  è  dovuto  a delle sbagliate scelte  dirigenziali  e  non  può di  certo essere  utilizzato  come  giustificazione  della  futura chiusura”. Dai genitori anche una proposta: “L’amministrazione avrebbe potuto, al  contrario, elevare  il  numero  delle ammissioni, considerando che per l’anno in corso, alcuni bambini sono stati esclusi. Riteniamo che l’Amministrazione comunale sia tenuta, per senso di dovere e di lealtà verso tutti i cepranesi, ad adoperarsi per evitare la chiusura di questo servizio, richiedendo un confronto con la  Regione, al fine di ottenere maggiori finanziamenti e garantire il servizio”. Arriva poi  un appello alla Regione Lazio: “Vogliamo  inoltre  evidenziare  che  la  Regione  Lazio pubblicizza  l’adozione  di  un  piano  per l’ampliamento della rete di asili nido  pubblici e convenzionati al fine di “migliorare la qualità dei servizi, sostenere l’accesso al lavoro delle donne con figli e contrastare la crisi demografica”.  Pertanto non comprendiamo come si possa incentivare l’apertura di nuovi nido ed allo stesso modo abbandonare a se stessi gli Asili nido più “anziani”.  La  Regione  Lazio  deve  considerarsi  responsabile  della  funzionalità  del  servizio  sociale, intervenendo per  evitare la  chiusura  del  Nostro  Asilo  nido, diversamente,  i principi che  la  stessa promuove restano ben lontani dalla realtà dei fatti.   Chiediamo  pertanto,  anche  alla  Regione  Lazio,  di  prendere  posizione sulla  futura  chiusura  dell’Asilo Nido Pollicino e di collaborare con il nostro Comune, al fine di continuare a garantire il servizio”. Il Comitato dei genitori conclude con un appello: “Non lasciamo che i fondi ad essere tagliati per primi siano quelli che interessano i piccoli cepranesi del futuro, che invece meriterebbero ogni sacrificio da parte dell’ente.  Chiediamo  pertanto di  rivedere  questa  scelta, affinché l’intera comunità cepranese possa ancora contare sull’operato della “famiglia” dell’Asilo Nido Pollicino,  da  sempre considerata  come  una  vera istituzione pubblica”.  Dal Comune non ci sono stati commenti sulla notizia. Non è escluso, però,  che la scelta possa essere rivista in base ai provvedimenti del Governo sulla “Buona scuola” che potrebbero ripensare in toto la figura dell’Asilo nido. Una situazione che la momento, però, è tutta in itinere e che verrà compresa meglio nel momento in cui saranno più chiari i decreti attuativi dei provvedimenti.

CAP

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS