Aggiornato alle: 11:00 di Mercoledi 19 Febbraio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ceprano – Disservizi idrici: Cacciarella scrive ad Acea

 ULTIME NOTIZIE
Ceprano – Disservizi idrici: Cacciarella scrive ad Acea
17 Luglio
12:10 2015
Disservizi idrici e ritardi nella comunicazione alla cittadinanza, il Vicesindaco Vincenzo Cacciarella scrive ad Acea.

Riportiamo di seguito la lettera che il Vicesindaco Vincenzo Cacciarella ha inviato ad Acea per porre l’attenzione sulle problematiche relative alla gestione idrica, riferite sia alla gestione ordinaria che agli interventi di manutenzione straordinaria.

Oggetto: Vs comunicazione acquisita al protocollo 10602 del 14.07.2015 inerente manovra straordinaria serbatoio Colle Musillo – Riscontro. 

In riferimento alla Vs comunicazione in oggetto, con la quale informavate la cittadinanza, per il tramite del comune, che si sarebbero registrati due giorni di disservizi idrici, con la presente si evidenzia l’estrema tardività della comunicazione stessa. 

Infatti, la vostra nota ricevuta con Pec alle ore 15.24 del 14.07.2015 con la quale ci informavate di disservizi che avrebbero avuto inizio già alle ore 16.00 del giorno stesso, (quindi appena 36 minuti dopo!), non può di certo essere ritenuta una “comunicazione” bensì semplicemente una presa d’atto come in caso di guasto imprevisto. 

La tardività della vostra comunicazione non ha lasciato neppure il tempo strettamente necessario per avvisare la cittadinanza che già quotidianamente reclama a gran voce disservizi, per la notevole riduzione del flusso idrico di queste ultime settimane (riduzione della quale Acea non ha preventivamente dato alcun avviso). 

Riteniamo per tanto tale comportamento inaccettabile per un paese civile nel quale si paga (non poco) per poter usufruire di un bene primario come quello dell’acqua di cui paradossalmente nemmeno si può usufruire regolarmente e nei periodi più caldi.

Alla luce di quanto sopra, si diffida il gestore a normalizzare l’erogazione del flusso idrico, soprattutto in considerazione delle giornate di estremo calore che già affligge la nostra città, oltre al fatto che ci sono zone sul nostro territorio ( via Campo di Cristo – zona Stazione) interessate da ordinanza sindacale di chiusura pozzi a causa di inquinamento e tale emergenza può causare problematiche relative alla salute e alla sanità pubblica. 

Nel contempo, si invita formalmente il gestore ad inviare comunicazioni ed avvisi alla cittadinanza con congruo ed utile anticipo. 

Quanto sopra nell’interesse di un bene primario e per garantire il diritto all’acqua. 

Distinti saluti, 

il Sindaco f.f.

Vincenzo Cacciarella

 

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE