Cassino – Vendeva macchine senza autorizzazione e con dipendenti a nero, denunciato | TG24.info
Aggiornato alle: 09:09 di Lunedi 18 Ottobre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Cassino – Vendeva macchine senza autorizzazione e con dipendenti a nero, denunciato

 ULTIME NOTIZIE
Cassino – Vendeva macchine senza autorizzazione e con dipendenti a nero, denunciato
23 Febbraio
20:03 2018

 

 

Una concessionaria, una villa e un’area completamente abusivi. Giro di vite dei carabinieri della Compagnia di Cassino che hanno scoperto e denunciato in tre diversi casi, una donna e due uomini.

La prima è finita sotto inchiesta per esecuzione di lavori edili in totale difformità al permesso di costruire e senza l’autorizzazione del genio civile, poiché realizzava in una zona periferica della città martire, un manufatto in cemento armato, costituito da piano seminterrato, piano rialzato, un sottotetto, con una scala di collegamento ed un adiacente portico, per un totale di circa 300mq, in totale difformità dell’autorizzazione rilasciatagli dal comune e priva dell’autorizzazione sismica rilasciata dal Genio Civile. La struttura per un valore di circa 200mila euro veniva sottoposta a sequestro. Nel mirino degli uomini del capitano Ivan Mastromanno anche un 33enne, titolare di una concessionaria di auto, denunciato per la realizzazione di opere edilizie in assenza di permesso a costruire, in quanto realizzava una struttura in mattoni forati di 30 mq circa, adibita ad ufficio di un’attività di rivendita di autovetture avente sede operativa appena fuori Cassino.

Nel corso del controllo effettuato, i militari operanti accertavano che tre dei quattro dipendenti presenti non risultavano assunti e pertanto veniva contestata una sanzione di euro 8.000 con la sospensione temporanea dell’attività commerciale. Nel corso delle verifiche, si accertava altresì che l’attività in questione era priva di qualsiasi autorizzazione amministrativa e pertanto, veniva richiesto al Comune di Cassino un provvedimento di chiusura per mancanza di requisiti previsti dalla Legge, che veniva notificato all’interessato dai militari operanti. La struttura per un valore di euro 10.000,00 circa, veniva sottoposta a sequestro. Infine a finire nei guai anche un 72enne di Cervaro denunciato per esecuzione di lavori edili in difformità al permesso di costruire, nonché in violazione alla fascia di rispetto della distanza da osservare dalla sponda di torrente, in quanto realizzava una piattaforma in cemento di 235 mq, chiusa perimetralmente mediante l’apposizione di pali in ferro e rete metallica, accessibile da un ingresso delimitato con un cancello in ferro, in totale difformità al permesso di costruire rilasciatogli ed in violazione alla fascia di rispetto della distanza da mantenere dalla sponda di un torrente che scorre nei pressi della citata costruzione. Il piazzale in cemento, del valore di circa 3mila euro, veniva sottoposto a sequestro.

Red.Cas.

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

.

.

SOCIAL
TOP NEWS