Aggiornato alle: 21:03 di Lunedi 10 Dicembre 2018
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Cassino – Operato e contagiato da epatite C, da anni attende maxi risarcimento

 ULTIME NOTIZIE
Cassino – Operato e contagiato da epatite C, da anni attende maxi risarcimento
08 novembre
10:30 2018
Lo scandalo del sangue infetto nella sanità italiana risale alla fine degli anni 90, quando si scoprì che l’Italia dal 1970 fino al 1987 aveva acquistato sangue all’estero senza alcun preventivo controllo, ma c’è chi purtroppo ancora oggi ne subisce le conseguenze.

E’ il caso di una donna di 50 anni residente nel cassinate che ha scoperto solo dopo una decina di anni di essere malata di epatite c, malattia contratta dopo una trasfusione. Dopo varie battaglie legali il Tribunale Civile di Roma gli ha riconosciuto un risarcimento del danno da 110.000 euro ma non ha ancora ricevuto quanto gli spetta.

Alla fine degli anni 90, la signora subì un intervento chirurgico presso l’ex ospedale Gemma De Bosis di Cassino. L’operazione, nella quale furono utilizzate sacche di sangue inviate dal Ministero della Sanità, pareva essere andata per il meglio.

Nel 2012, però, facendo un semplice prelievo di sangue per analisi di routine, scoprì di essere stata infettata dal virus dell’epatite C e di aver contratto la malattia proprio in occasione dell’intervento chirurgico.Fortunatamente si trattata di una forma di epatite non aggressiva che, comunque, le permette di condurre una vita normale.

Nel 2015 il Tribunale Civile di Roma, competente per le questioni che riguardano il Ministero della Sanità, si è espresso in modo favorevole, riconoscendo alla donna un risarcimento del danno di quasi €110. 000. Ad oggi, però, non ha visto nemmeno un euro e per questo ha deciso di azionare il cosiddetto giudizio di ottemperanza dinanzi al TAR di Roma.

Ora spetterà alla magistratura amministrativa emettere un provvedimento che imponga forzosamente il pagamento della somma dovuta alla cinquantenne cassinate da parte del Ministero della Sanità. In alternativa potrà essere nominato un commissario ad acta che potrà provvedere personalmente al pagamento della somma.

 

 

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE