Cassino – Depuratore, Fare Verde ringrazia i militari del N.I.P.A.A.F Gruppo Carabinieri Forestale | TG24.info
Aggiornato alle: 18:30 di 24 Ottobre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Cassino – Depuratore, Fare Verde ringrazia i militari del N.I.P.A.A.F Gruppo Carabinieri Forestale

 ULTIME NOTIZIE
Cassino – Depuratore, Fare Verde ringrazia i militari del N.I.P.A.A.F Gruppo Carabinieri Forestale
24 Settembre
10:10 2021

 

 

Fare Verde Provincia di Frosinone ringrazia i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone per la magnifica attività di investigazione nell’operazione “Acquanera” che ha ha portato all’arresto di tre persone e ad altre misure cautelari tra le quali il sequestro del depuratore Cosilam.

Fare Verde fin dal 2018 ha partecipato insieme ai membri del Coordinamento Ambiente Cassinate (Fare Verde, Quis Contra Nos, Amici dell’Ambiente, EkoClub, Anpana Onlus/Fr, Allerta Cerro, Italia Nostra, Comitato Solfegna, Usb e Santulia Bene Comune) alla stesura del documento consegnato all’allora sindaco di Cassino Carlo Maria D’Alessandro e all’assessore all’Ambiente Dana Tauwinkelova. Documento che illustrava la situazione del depuratore consortile che, stranamente, a tempi cadenzati sprigionava (già allora) degli odori nauseabondi. Un’anomalia denunciata più volte dai residenti a cui avrebbe dovuto rispondere il Cosilam che aveva stilato un protocollo d’intesa con i comuni di Cassino, Piedimonte San Germano e Villa Santa Lucia per censire tutte le aziende che già lo avevano in uso. Ci sono voluti anni e una imponente investigazione dei Carabinieri del N.I.P.A.A.F. ma alla fine è arrivato anche il tintinnio delle manette più volte auspicato dalla nostra Associazione per i reati Ambientali. Quel suono metallico che scuote le coscienze e che, purtroppo, è diventato l’unico modo per far capire ai politici, agli imprenditori e alla popolazione quanto è grave l’inquinamento delle acque e della terra.
Fare Verde Provincia di Frosinone in questi momenti di grande entusiasmo non dimentica le criticità presenti in altri Comuni e ne approfitta per ricordare che se nel Cassinate la popolazione residente vicino a Rio Pioppeto piange l’inquinamento ambientale in tanti altri comuni gli abitanti non ridono visto che mancano addirittura gli impianti di depurazione come ad esempio accade nel Comune di Villa Latina.

Così in una nota Fare Verde Provincia di Frosinone.

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS