Cassino – Buco milionario al Consorzio di bonifica, duro j’accuse di Dragonetti | TG24.info
Aggiornato alle: 09:09 di Lunedi 18 Ottobre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Cassino – Buco milionario al Consorzio di bonifica, duro j’accuse di Dragonetti

 ULTIME NOTIZIE
Cassino – Buco milionario al Consorzio di bonifica, duro j’accuse di Dragonetti
28 Febbraio
16:02 2018

 

 

In merito alla situazione debitoria del Consorzio di Bonifica “Valle del Liri” resa nota stamattina dal Commissario Straordinario Dr. Roberto Casilli, riceviamo e pubblichiamo la seguente nota a firma di Niki Dragonetti.

<<Un ‘carrozzone’ pagato dai cittadini e che per anni ha ‘ingrassato’ sempre le stesse cricche. Il Consorzio di Bonifica è sempre stato gestito in maniera scellarata. E’ stato una fucina di posti di lavoro, assunzioni-cortesia- soprattutto nelle imminenze delle campagna elettorali. Un ‘buco’ da diciannove milioni di euro che credono debba essere risanato da coloro che lo hanno provocato. Bene ha fatto il Commissario a presentare una denuncia in Procura. Perchè in questo modo si darà possibilità alla magistratura di smascherare chi ha ‘distrutto’ un Ente essenziale per la tutela del territorio. Dove sono finiti quei soldi? Il commissario ha denunciato il presidente del Consorzio in carica dal 2005 al 2009 e tutti i componenti dei vari consigli di amministrazione che si sono succeduti nel corso di questi anni. Con quale criterio hanno gestito danaro che non era il loro? Mario Abbruzzese per esempio, visto che era un rappresentante del CDA, potrebbe spiegarlo a tutti coloro ai quali in questi giorni sta chiedendo il voto. Il suo clone, Pasquale Ciacciarelli, invece, dove ha vissuto quando era presidente del Consorzio? Non ha visto il buco macroscopico lasciato dal suo predecessore. Il ‘Valle del Liri’ era il fiore all’occhiello e punto di riferimento per gli agricoltori del Cassinate. Loro hanno avuto la capacità di trasformarlo in un carrozzone politico che adesso rischia la chiusura. La loro ingordigia ha solo portato danno e disoccupazione. I tanti lavoratori, se dovesse essere accertato il dissesto finanziario, dove andaranno a finire? Queste sono le domande che tutti dovrebbero porsi domenica all’interno della cabina elettorale. Perchè se il cittadino non pone fine a questo loro ‘futt e futtatenn’ allora non c’è possibilità di rinascita per questa terra>>.

(fonte: nota stampa)

 

Leggi anche: http://www.tg24.info/cassino-default-del-consorzio-la-denuncia-del-commissario-video/

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

.

.

SOCIAL
TOP NEWS