Aggiornato alle: 12:00 di Lunedi 20 Maggio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Cassino – Autostrade per l’Italia al Giro d’Italia premia la Polizia Stradale (foto)

 ULTIME NOTIZIE
Cassino – Autostrade per l’Italia al Giro d’Italia premia la Polizia Stradale (foto)
16 Maggio
10:40 2019
Autostrade per l’Italia al Giro d’Italia premia l’impegno costante della Polizia Stradale a garanzia della sicurezza stradale, consegnando un riconoscimento agli agenti con i quali, ogni giorno, gli addetti della società autostradale lavorano per assicurare il rispetto del codice della strada e contribuendo con impegno a coadiuvare le attività sulla viabilità.

Durante la sesta tappa del Giro d’Italia, Cassino-San Giovanni Rotondo, Autostrade per l’Italia ha consegnato, per mano del Responsabile Esercizio del Sesto Tronco, Giuseppe Della Porta, un premio agli Assistenti Capo Coordinatori Guido Bomarzi e Fabrizio Binnella, in servizio presso la Sottosezione Autostradale di Orvieto (TR) per aver salvato la vita a una donna estraendola dalla sua autovettura dopo un grave incidente. L’intervento è stato particolarmente pericoloso per via delle fiamme che hanno coinvolto molti veicoli ma non hanno fermato gli agenti che hanno riportato anche ustioni fortunatamente non gravi.

Un riconoscimento al forte attaccamento al proprio lavoro è quello consegnato, inoltre, oggi dal Dirigente Superiore Dott. Mario NIGRO (Dir.te Comp.to Roma) della Polizia Stradale a Giovanni Guardabascio, operativo nel Tronco di Cassino.

Il 15 novembre 2018 il dipendente di Autostrade per l’Italia stava presidiando un cantiere sulla A16 quando un’auto si è pericolosamente fermata nei pressi del cantiere. Cosciente del pericolo, l’addetto ha indicato al conducente di spostasi per evitare possibili pericoli nell’arei dei lavori. Per tutta risposta, i tre uomini all’interno dell’autovettura, evidentemente infastiditi dal richiamo, hanno reagito malmenando il dipendente di Aspi. Nonostante l’aggressione, Guardabascio è riuscito a non far entrare i tre uomini nella zona del cantiere garantendo così, nonostante l’accaduto, l’incolumità dei suoi aggressori.

(fonte: Comunicato Stampa)

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE