Aggiornato alle: 21:03 di Lunedi 10 Dicembre 2018
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Casalattico – Il M5S protesta sulla disalimentazione di alcune utenze idriche

 ULTIME NOTIZIE
Casalattico – Il M5S protesta sulla disalimentazione di alcune utenze idriche
06 dicembre
20:45 2018

 

 

 

 

 

Senz’acqua, riscaldamento ed energia elettrica. E’ la triste situazione in cui rischia di trovarsi a vivere una buona parte della cittadinanza di Casalattico, in seguito alla disalimentazione effettuata nei giorni scorsi dal Gestore Acea presso alcune utenze idriche del territorio, creando gravi disagi in intere comunità. A tal riguardo interviene Piero Angelo Morelli, in rappresentanza del gruppo comunale Movimento 5 Stelle.

Per i cittadini della Valle di Comino e della Provincia di Frosinone che in questo periodo rischiano di rimanere senz’acqua – ha sottolineato Morelli – vuol dire rinunciare anche al riscaldamento, con ulteriore aggravamento della situazione, resa già difficile a causa degli ovvi problemi igienici. E’ per questo motivo che mi appello al sindaco Giuseppe Benedetti e al Presidente del Consiglio del Comune di Casalattico. In altri Comuni i primi cittadini hanno emanato delle ordinanze per cercare di fermare i distacchi dei contatori.

Si confida, pertanto – ha aggiunto il consigliere Morelli – nella sensibilità dell’Amministrazione, al fine di venire incontro alle esigenze dei nostri concittadini meno fortunati e si prega di emanare un’ordinanza che, ricalcando l’esempio del Comune di San Giorgio a Liri o prendendo spunto da essa, possa fornire un minimo di tutela a chi, pur volendo pagare le bollette, si trova economicamente impossibilitato a farlo. Si chiede inoltre, di voler convocare un Consiglio Comunale mirato a questo, invitando anche i Comitati che da anni si battono sui nostri territori per l’Acqua pubblica. Infine, si chiede ad Acea, nel caso si dovessero verificare dei distacchi, tutta la documentazione (bollette non pagate, diffida e messa in mora con relativa notifica) per verificare il rispetto delle norme di legge e del contratto da parte del Gestore idrico nel procedere alla disalimentazione dell’utenza. Si tratta di una richiesta legittima, qualora Acea non abbia eseguito tutte le procedure indicate ed abbia provveduto in maniera arbitraria al distacco. Se così fosse, si prega di informare, senza indugio, l’Autorità Giudiziaria“.

Caterina Paglia

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE