Aggiornato alle: 23:33 di Venerdi 15 Novembre 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Boville – Piano colore e rigenerazione del centro storico, al via l’iter

 ULTIME NOTIZIE
Boville – Piano colore e rigenerazione del centro storico, al via l’iter
13 Luglio
13:33 2019

 

 

 

Rigenerazione urbana e risparmio del suolo, dopo il convegno con i professionisti del territorio, l’Amministrazione municipale del sindaco Enzo Perciballi passa ai fatti e, con una delibera di Giunta, dà mandato all’Ufficio tecnico comunale di predisporre tutte le procedure per la redazione e l’approvazione di un piano colore, del piano di recupero e recepimento delle direttive e normative previste dalla Legge Regione Lazio numero 7 del 18 luglio 2017 “Disposizioni per la rigenerazione urbana e per il recupero edilizio” del centro storico di Boville Ernica.

“Si tratta di un passo molto importante – spiega il primo cittadino Enzo Perciballi – grazie al quale porre le basi per un vero e proprio rilancio del nostro centro storico. Il convegno, durante cui abbiamo avuto l’onore di poter ascoltare l’architetto Cerasoli, ossia il consulente della Regione Lazio che si è occupato della legge 7 e prima ancora del Piano casa, sta dando i suoi primi frutti. Il Piano regolatore generale del nostro Comune, approvato nel febbraio 2005, ha bisogno di essere rivisto e adeguato alle nuove esigenze della popolazione, che in 15 anni sono notevolmente cambiate. Sono cambiate le abitudini, ma soprattutto è cambiato l’approccio: oggi l’obiettivo principale è e deve essere lo sviluppo urbanistico eco-sostenibile, con il risparmio del suolo e il recupero delle cubature inutilizzate. A maggior ragione questa regola deve valere quando si parla di centro storico che, purtroppo, finora non è stato mai oggetto di una vera e propria programmazione che abbia consentito di realizzare interventi uniformi che rispettivo i vincoli presenti. Ma soprattutto che permettano di mantenere quelle antiche tipicità che lo rendono unico nel suo genere, al punto da poterci permettere di far parte del Club dei Borghi più belli d’Italia”.

“Nel centro storico – spiega inoltre il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Benvenuto Fabrizi – è indispensabile la creare un Piano colore comunale al quale uniformarsi per le tinteggiature esterne degli edifici, privati e pubblici, sia all’interno delle mura sia nelle zone immediatamente limitrofe, per migliorare il decoro esterno del paese e meglio contestualizzarlo nel paesaggio circostante; per non parlare della necessità di regole urbanistiche e comportamentali finalizzate al recupero di manufatti, viabilità, arredo urbano”.

“La legge regionale numero 7 – precisa ancora il primo cittadino Perciballi – fissa le disposizioni utili a incentivare la razionalizzazione del patrimonio edilizio esistente, promuovere la riqualificazione di aree urbane degradate e di tessuti edilizi disorganici o incompiuti; oltre a riqualificare edifici a destinazione residenziale e non residenziale, con interventi di demolizione e ricostruzione, adeguamento sismico ed efficientamento energetico. Per questo abbiamo incaricato l’Ufficio tecnico di far partire la procedura che consenta finalmente di dotarci di quegli strumenti urbanistici necessari al recupero del borgo e al ritorno al suo antico splendore”.

E conclude: “Ovviamente questa Amministrazione comunale sta contestualmente mettendo in atto altre iniziative che, in un progetto organico, permetterà nel medio periodo di incrementare il numero dei residenti e di conseguenza vedere decollare il turismo e le attività commerciali. Cito soltanto, perché è la più recente in ordine di tempo, la nostra iniziativa volta a rendere funzionale il Palazzo Asl, in cui ovviamente resteranno i servizi sanitari pubblici. Il percorso sarà lungo e impervio, ma qualcuno doveva pur trovare il coraggio di cominciare”.

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE