Aggiornato alle: 15:05 di Mercoledi 5 Agosto 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Atina – Il sindaco gli revoca le deleghe da consigliere, Quirino Di Paolo parla delle divergenze con la maggioranza

 ULTIME NOTIZIE
Atina – Il sindaco gli revoca le deleghe da consigliere, Quirino Di Paolo parla delle divergenze con la maggioranza
20 Giugno
18:30 2020

 

 

 

 Il sindaco Adolfo Valente revoca le deleghe del Consigliere Comunale Quirino Di Paolo che al primo posto mette la scelta degli elettori ed oggi fa luce sulla separazione di idee e intenti con il gruppo di Maggioranza.

“Ho ritenuto di contrastare totalmente la decisione presa dal sindaco Adolfo Valente, poiché del tutto infondata e generica. L’unica cosa chiara è che abbiamo idee politiche differenti, ma ciò non deve influire sulla crescita di un territorio – dichiarato Quirino Di Paolo – . La decisione del primo cittadino forse intende nascondere qualcosa ai cittadini, ovvero la natura della rottura che riguarda la differenza netta di vedute, visoni, progettualità. Quella progettualità che ha bisogno soprattutto del sostegno della politica. Atina, da locomotiva trainante è diventata fanalino di coda della Valle di Comino. La mia contrarietà e opposizione, sin da subito palesata al disegno proposto dal vice sindaco e accolto dal resto della Maggioranza, di trasferire la sede del Comando della Polizia Locale da Piazza Saturno a Piazza Volsci, rappresenta un esempio del mio sforzo politico dell’ultimo periodo. Come se non bastasse, l’Amministrazione ha mostrato la propria mancanza di interesse e l’ostacolo, tutto ideologico, ad ogni forma di valorizzazione del Centro Ippico, struttura che poche città in Italia possono vantare di avere e che porterebbe benefici a tutto il territorio valligiano. Quella che si è venuta a creare è ormai una frattura insanabile: non si opera per lo sviluppo del centro storico di Atina e il rilancio dell’ex Convento dei Frati Minori. Tutte quelle che sono delle vere e proprie potenzialità da sfruttare vengono dimenticate. Per quanto mi riguarda, malgrado lo strappo con la Maggioranza di Adolfo Valente, continuerò a proporre iniziative e progetti di sviluppo, in coerenza con il mio mandato e in sintonia con le istanze più profonde dei cittadini di Atina che chiedono un cambiamento reale di cui continuerò, a dispetto della revoca delle deleghe, ad essere interprete”.

Caterina Paglia

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE