Aggiornato alle: 04:00 di Mercoledi 1 Aprile 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Atina – Emergenza Covid-19, la minoranza al sindaco: attivare misure di sostegno

 ULTIME NOTIZIE
Atina – Emergenza Covid-19, la minoranza al sindaco: attivare misure di sostegno
26 Marzo
19:38 2020

 

 

 

Consegne domiciliari di beni di prima necessità e di medicinali alle fasce più deboli e la possibilità di inserire la Casa della Salute nell’ampio Piano Sanitario Covid-19. Si tratta di alcune delle richieste fatte dal Gruppo Consiliare di Minoranza che in un nota scritta invita il sindaco Adolfo Valente invita ad attivare interventi e misure di sostegno per tutta la popolazione.

A tal riguardo, i Consiglieri Fabio Caira, Ivan Filippo Tavolieri, Fausto Lancia e Francesca Evangelista, in considerazione dell’emergenza legata alla pandemia, scrivono al primo cittadino:“Riteniamo carenti le iniziative, peraltro condivise con gli abitanti di Atina solo ed esclusivamente attraverso il canale social di Facebook, poste in essere dall’Amministrazione Comunale, al fine di arginare il fenomeno e tutelare quanto più possibile la cittadinanza. Chiediamo dunque, – sottolineano dalla Minoranza – di porre in essere, nel più breve tempo possibile, misure ed iniziative che possano sopperire tale carenza, al fine di mostrare vicinanza e sostegno all’intera comunità, per superare insieme questa fase emergenziale, prima che la situazione diventi insostenibile. Il sostegno si rende necessario in particolar modo per le famiglie con constatata difficoltà economica, per la popolazione anziana e senza supporto e per quelle realtà in cui è presente ed evidente il disagio sociale. Chiediamo pertanto di attivare, tramite i servizi sociali e il Coc (Centro Operativo Comunale), tutte quelle iniziative atte: a supportare e fornire alle famiglie e ai cittadini in evidente stato di bisogno, beni di prima necessità e farmaci attraverso la consegna domiciliare; ripristinare il Fondo Sociale, già presente nel quinquennio 2013/2018, attraverso il quale intervenire per mezzo delle Parrocchie del paese, in modo tale da aiutare economicamente chi è più in difficoltà. Crediamo inoltre che sia necessario attivarsi presso la Asl di Frosinone e l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio per valutare la fattibilità dell’inserimento nel Piano Sanitario Covid-19 anche della Casa della Salute che si trova qui a Ponte Melfa e che potrebbe essere un importante punto di riferimento. Infine, si chiede di sospendere la riscossione di tutte le tasse e i tributi comunali sia ai singoli cittadini sia alle imprese, almeno fino al 31 dicembre del 2020. Non è nostra intenzione strumentalizzare il momento di emergenza, desideriamo soltanto dare validi suggerimenti”.

Si attendono aggiornamenti tramite una risposta del sindaco Valente.

Caterina Paglia

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE