Arpino – Trentenne arrestato e tre persone denunciate, i dettagli dell’operazione | TG24.info
Aggiornato alle: 23:01 di Venerdi 7 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Arpino – Trentenne arrestato e tre persone denunciate, i dettagli dell’operazione

 ULTIME NOTIZIE
Arpino – Trentenne arrestato e tre persone denunciate, i dettagli dell’operazione
11 Gennaio
17:35 2021

 

 

Tg24.info ha seguito tutti gli sviluppi del caso, a partire dall’incendio appiccato nella notte tra sabato 9 e domenica 10 (leggi qui https://www.tg24.info/ultimora-arpino-tanta-paura-sulla-sr82-bar-in-fiamme-foto/ ) e poi l’arresto nel tardo pomeriggio di ieri (leggi qui https://www.tg24.info/arpino-bar-in-fiamme-ce-un-fermo-indagini-ancora-in-corso/ ). La brillante operazione è stata condotta dagli agenti di Polizia del Commissariato di Sora, coordinati dal comandante Paolo Gennaccaro.

Nel comunicato sono riportati tutti i dettagli «Nella serata di ieri, gli agenti del Commissariato di P.S. di Sora hanno tratto in arresto un trentenne e denunciato altre tre persone per i reati di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Il proprietario di un bar/pizzeria di Arpino la notte tra il 9 ed il 10 gennaio aveva subito l’incendio della sua attività, a seguito del quale i locali erano rimasti notevolmente danneggiati dalle fiamme. Prima di recarsi presso gli uffici del Commissariato di Sora per formalizzare la denuncia, aveva subito anche un’aggressione da parte di un soggetto che lo aveva minacciato con un taglierino. Il personale della Polizia di Stato del Commissariato di Sora, iniziate immediatamente le indagini, in poche ore è riuscito ad identificare il presunto autore dell’incendio e delle minacce, risultato essere un giovane di Arpino, gravato da precedenti in materia di spaccio di stupefacenti. Gli operatori si sono recati presso l’abitazione del trentenne, il quale alla loro vista ha dato in escandescenze, aggredendoli, spalleggiato dal fratello, dalla compagna e dal suocero, che in tutti i modi hanno tentato di impedire lo svolgimento dell’attività di polizia. Gli agenti, con non poche difficoltà e grazie all’ausilio di un’altra pattuglia intervenuta in soccorso, sono comunque riusciti a contenere i quattro. Il giovane è stato tratto in arresto per i reati di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, mentre gli altri tre sono stati denunciati per gli stessi reati. I poliziotti sono stati medicati presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Sora, dal quale sono stati successivamente dimessi con una prognosi di alcuni giorni, avendo riportato varie lesioni a seguito della colluttazione».

Per completezza di cronaca è doveroso ricordare che il bar/trattoria compromesso dal rogo, inizialmente imputato ad un cortocircuito, accertatane poi l’origine dolosa, è un’attività portata avanti con enormi sacrifici, riaperta negli ultimi giorni dopo un periodo di chiusura dovuto alle restrizioni antiCovid e ad alcuni interventi di ristrutturazione. La famiglia che ne gestisce l’esercizio non si è mai arresa dinanzi alle difficoltà: non si è mai arresa non solamente per loro stessi ma anche e soprattutto per gli amici e tutti i clienti, per i fornitori con cui lavorano, per il territorio stesso, impoverito dalle innumerevoli complicazioni che si susseguono e che ha necessariamente bisogno di “vivere”.
Sara Pacitto

 

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS