Arpino – Se sono incivili i proprietari, cosa ci si può aspettare dagli animali? | TG24.info
Aggiornato alle: 10:28 di Martedi 18 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Arpino – Se sono incivili i proprietari, cosa ci si può aspettare dagli animali?

 ULTIME NOTIZIE
Arpino – Se sono incivili i proprietari, cosa ci si può aspettare dagli animali?
24 Marzo
12:07 2021

 

 

Se l’educazione latita, se le buone maniere non sono un principio condiviso e praticato, è il paese in primis a riflettere questa mancanza. Non ci sono scusanti, non esiste capro espiatorio: l’immagine di una comunità è data dal senso civico che questa possiede e con cui si contraddistingue. Purtroppo gli episodi di “scempio” sono ormai argomento quotidiano, dai dibattiti sui social alle segnalazioni riportate dai media. Anche nella città di Arpino non mancano le “denunce” in tal senso: non ultimo lo sfogo di una residente del centro storico, costretta in più occasioni a dover ripulire l’ingresso della sua abitazione a causa degli escrementi dei cani, sicuramente stufa di costatare che la cattiva abitudine sia quella di liberare gli amici a quattro zampe per i bisogni, ignorando dove questi vengono mollati, non curandosi di raccogliere poi gli escrementi con le apposite palette e bustine.

«Anche io ho avuto un cane, ma certamente non lo portavo per Arpino a fare i bisogni. Chi possiede un cane ha scambiato il paese per una latrina. Questa moda è da gentaglia. Credo che bisognerebbe finirla. Poi ci sono anche i randagi… Non ci si può sedere più ad una panchina, continuamente dobbiamo buttare la varechina per disinfettare, i vicoli sono pieni di escrementi. Purtroppo questi imbecilli non si rendono conto di quanto fanno schifo. Se il padrone è un incivile, maleducato, può insegnare le buone maniere al cane?» e nei commenti si rincara «La colpa non è dei cani randagi ma di chi ha i cani e li lascia sciolti senza guinzaglio e senza poi pulire con gli appositi sacchetti».

Un’intollerabile indecenza: ed in tale contesto non passano inosservate le cartacce gettate a terra, le bottigliette di plastica o vetro, i guanti e le mascherine dismesse, le lattine e via dicendo. L’immagine del paese compromessa dal comportamento incivile di taluni cafoni. (Foto di repertorio)
Sara Pacitto

 

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS