Aggiornato alle: 22:00 di Mercoledi 28 Ottobre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Arpino – Opposizione: spot di faccioni e paroloni, misere strumentalizzazioni e i problemi della città?

 ULTIME NOTIZIE
Arpino – Opposizione: spot di faccioni e paroloni, misere strumentalizzazioni e i problemi della città?
06 Dicembre
14:00 2019

 

 

 

Comunicati inconcludenti, polveroni pedanti che durano quanto una flatulenza, faziosi proclami dettati da demagogia spicciola, forse realizzati con l’esclusiva intenzione di mettersi sotto i riflettori e coltivare la propria immagine: questo è ciò che l’opposizione consiliare riesce a mettere in campo.

Nessuna informativa agli Enti preposti, niente diffide, nessuna denuncia, niente “indagini”. A cosa serve trattare una “mancanza” se poi non vengono assunte posizioni in merito e non si lavora per risolverlo il problema. In ogni flash, contingente quanto infingardo, si punta il dito sull’inerzia amministrativa: non è inerzia quella dimostrata dai protagonisti dell’opposizione politica? che in maniera statica e passiva restano inattivi di fronte a quanto succede. L’arte della minoranza governativa ad Arpino risulta appiattita, collassata: si aspetta di vedere se l’Amministrazione Rea mangerà o meno il panettone, senza muovere un dito.
Relativamente al servizio di refezione scolastica le famiglie restano abbandonate a se stesse: oltre a riempirsi la bocca di “spot”, nessuno che abbia intrapreso una iniziativa concreta, nemmeno per fiancheggiarla questa “battaglia”. Si scrive e si posta sui social che il paese è sporco, ma mai che la ASL sia stata investita. Si grida allo scandalo per le indennità e l’affido degli incarichi legali ma alcun documento è stato sottoposto all’attenzione del Revisore dei Conti. Il centro storico è in balia delle cattive abitudini, le criticità non sono solo a carico dell’ordinaria viabilità: pullman ed ambulanze incontrano costanti difficoltà a transitare, non si cammina nemmeno a piedi, ma nessuno ha fatto si che la pericolosa realtà arrivasse al Prefetto. Che non siano facinorose strumentalizzazioni?
Chi è all’opposizione si assume lo stesso impegno della maggioranza amministrativa: rispondere alla cittadinanza, essere l’alternativa ed incalzare il governo del paese, essere la voce e la garanzia della libertà democratica. Il ruolo dell’opposizione sta in un esercizio propositivo, che sia critico ma anche costruttivo. Le grane non trovano soluzione se l’attività della minoranza politica è un concentrato di protagonismo che punta solamente all’articolo sul giornale: l’inutilità della dialettica accostata alla propria “faccina” in evidenza è uno slogan. Medesima “facciata” dimostrata dai portavoce di partiti e/o movimenti che sono fuori dal Consiglio Comunale: si accostano alle problematiche della Terra di Cicerone nella stessa misura, mediatica, sotto i riflettori. L’interesse alle difficoltà della cittadinanza si limita a quattro righe di scritto ed una opportuna foto in bella posa.
La comunità arpinate è sola, a risolversi le rogne.
Sara Pacitto

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA
SOCIAL
TOP NEWS