Aggiornato alle: 17:20 di Lunedi 23 Novembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Arpino – Frana sulla strada provinciale di collegamento con Sora (foto)

 ULTIME NOTIZIE
Arpino – Frana sulla strada provinciale di collegamento con Sora (foto)
07 Marzo
15:17 2018

 

 

 

Poco prima delle 13:00 di ieri, martedì 6 febbraio, in via Pietro Nenni, la strada provinciale che collega il paese di Arpino a Sora, passando per Carnello, si è verificato un altro cedimento geologico.

In quel momento sul posto erano in transito quattro veicoli, i cui conducenti immediatamente hanno avvisato gli Amministratori e la Polizia Municipale. Gli stessi automobilisti, per facilitare la viabilità, provvedevano a spostare i massi che si erano riversati sulla strada ed ostacolavano la circolazione in un orario particolarmente trafficato. Intervenuti i Carabinieri della locale stazione e gli operai della Provincia, che hanno rimosso i detriti. Una precedente frana c’era già stata sabato, sul medesimo tratto, a pochi metri di distanza.
Nel pomeriggio di lunedì, un cittadino preoccupato per le condizioni della pendice a ridosso della carreggiata, aveva di poco anticipato questo nuovo gravoso evento segnalando la presenza di grossi massi sporgenti che potevano rappresentare un pericolo importante per le automobili in circolazione. Valerio indicava ulteriori macigni al disopra del declivio, nascosti tra la selva. È probabile che la vegetazione non sia più in grado di sostenere il peso delle rocce sullo scoscendimento e le piogge abbondanti di questi ultimi giorni ne aumentano la probabilità di franamento.
Inoltre, nella stessa zona, ci sono molti alberi secchi che spesso si spezzano, rotolando in strada, oppure rimangono “appesi” rappresentando un evidente rischio per quanti transitano sotto: potrebbero staccarsi da un momento all’altro e colpire in pieno gli automezzi. Nella foto allegata è ben visibile un tronco con le sue ramificazioni, pronto a precipitare e purtroppo non è l’unico.
Forse è il caso che l’Amministrazione Comunale prenda coscienza della minaccia naturale e solleciti l’Ente di competenza affinché vengano adottate, in maniera tempestiva, tutte le necessarie precauzioni, prima che si verifichino nuovi smottamenti e si realizzi l’ineluttabile “tragedia annunciata”.

Sara Pacitto

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS