Arpino – Feste in barba alle disposizioni antiCovid, con tanto di foto sui social | TG24.info
Aggiornato alle: 16:56 di 18 Aprile 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Arpino – Feste in barba alle disposizioni antiCovid, con tanto di foto sui social

 ULTIME NOTIZIE
Arpino – Feste in barba alle disposizioni antiCovid, con tanto di foto sui social
02 Marzo
18:56 2021

 

Due distinti episodi che hanno attirato l’attenzione della comunità arpinate, provocando indignazione e sgomento.

In barba alle disposizioni antiCovid, nel weekend sono stati distintamente festeggiati i compleanni di un ragazzo e di una signora, entrambi di Arpino, ignorando non solo le misure precauzionali disposte per contenere il virus ma la stessa impennata dei contagi registrata nell’ultima settimana: assembramenti tra amici e parenti non conviventi, niente mascherine, foto postate fieramente sui social. L’irresponsabilità degli adulti che, compiacenti e con molta poca discrezione, hanno organizzato e spalleggiato le rispettive ricorrenze, evidentemente dimenticando che la pandemia continua a riempire i reparti di terapia intensiva dei nostri ospedali, mietendo vittime e creando disagi e danni economici a tutti. Nessun rispetto per i morti a causa del Covid, nessun rispetto per i vivi che vengono esposti al rischio di contagio proprio a causa di simili atteggiamenti superficiali, nessun rispetto per quanti sono impegnati in prima linea, fino allo stremo, nella battaglia per salvare vite umane. Nella giornata di ieri la nostra provincia è entrata in zona arancione, con tutte le restrizioni conseguenti….ed andiamo cercando di chi è la colpa?
Il giovane ha festeggiato i suoi 23 anni presso la propria abitazione e poi per il paese, con tanto di torta, spumante e foto orgogliosamente pubblicate su facebook dalla madre. Mentre la signora ha soffiato felicemente sulle sue 70 candeline circondata dall’affetto di oltre 40 persone, imprudenti come lei: sarebbero stati molti di più se amici, parenti e vicini di casa avessero onorato l’invito a loro rivolto ma che, grazie all’avvedutezza e ad un radicato senso civico, hanno rigettato e disertato la festa.
Prevale la mancanza di buon senso. E sono tante le circostanze in cui le Forze dell’Ordine sono intervenute per applicare le sanzioni previste in materia di violazione delle norme antiCovid: in effetti ci sono casi in cui i Carabinieri hanno preso atto delle trasgressioni alle regole adottate per il contenimento epidemiologico grazie a foto e video postate e condivise sui social. Quando manca la responsabilità c’è bisogno dei controlli, non solo per le strade ma anche sulla rete.
A distanza di un anno in cui ognuno di noi ha dovuto fare delle rinunce importanti, ancora c’è chi se ne frega, sbeffeggia ed offende il grande sforzo comune che si sta facendo per arginare questo maledetto virus. Che poi sono gli stessi adulti, che puntano il dito contro i giovani, condannandoli come incivili ed “untori”.
Sara Pacitto

 

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS