Aggiornato alle: 21:03 di Lunedi 10 Dicembre 2018
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Arpino – Dibattiti e chiarimenti nel consiglio comunale

 ULTIME NOTIZIE
Arpino – Dibattiti e chiarimenti nel consiglio comunale
06 dicembre
20:31 2018

 

 

 

 

 

Nella serata di martedì si è riunito il Consiglio Comunale del paese di Arpino. Sono state ufficializzate le nomine dei Presidenti delle diverse Commissioni Consiliari: Niccolò Casinelli alla Cultura, Emanuele Caira all’ Ambiente, Elvira Puzzuoli all’ Urbanistica, Fabio Forte al Bilancio.

Sono seguite le dimissione degli assessori Massimo Sera e Valentina Polsinelli dalla carica di consigliere, così come era già successo per Rosaria Manuel e Bruno Biancale, per consentire a Giuseppe Fortuna e Dino Quadrini l’ingresso in Consiglio Comunale. «Nell’ottica dello spirito di squadra, spiega il Sindaco Renato Rea, diamo seguito a quanto stabilito tra i componenti della lista “Avanti Arpino ” già in campagna elettorale: tutti i candidati hanno un ruolo attivo nell’amministrazione della Città, da Assessore oppure da Consigliere, poiché il lavoro da fare richiede la partecipazione di tutti. Il prossimo passaggio sarà la costituzione di uno staff di persone che coadiuveranno l’ attività amministrativa».
I consiglieri in opposizione, con il voto sfavorevole, si dissociano all’ unanimità nei confronti di queste ultime nomine: viene fatto un invito alla riflessione su una collaborazione “gratuita” per il paese, non necessariamente “fregiata” dal titolo «La partecipazione è un ruolo civico che va onorato a prescindere dalla carica».
L’ assise è continuata con il confronto su diversi punti: ripristinato il funzionamento del serbatoi dell’ acqua presso la biblioteca comunale ed a breve verrà riattivato anche il riscaldamento. Per quanto riguarda lo smottamento franoso su via Arco Torrione è stato sollecitato l’ Ente provinciale ad intervenire in maniera tempestiva mentre per il cedimento in via Salita dell’Arco si sta provvedendo. Viene chiarito che gli incarichi legali deputati per risolvere i contenziosi a carico del Comune, vengono assegnati con il principio di rotazione, fermo restando che i professionisti, valutandone tutti gli aspetti, accettino il mandato stesso. Il Sindaco assicura che incalzerà la Polizia Municipale affinché si presti più attenzione alla viabilità nel centro storico, spesso ostacolata dai parcheggi selvaggi che intralciano anche il transito pedonale, creando pericolosi impedimenti. Sul “Punto della Salute” si conferma che la ASL ha già predisposto il progetto all’ attenzione degli uffici Regionali di competenza, un progetto in evoluzione, già esaminato e ritenuto fattibile, per cui la Pisana assicura un prossimo incontro, anche se materialmente non ci sono atti ufficiali che seguano la trasmissione della ASL alla Regione. Sulla pulizia ed il decoro urbano si puntualizza che si sta lavorando sul prossimo bando al fine di individuare le alternative che garantiscano l’ ottimizzazione del servizio.
La nomina dei membri facenti parte alla Comunitá Montana si rinvia alla prossima adunanza, con riserva di individuare tra i consiglieri uno o più candidati alle prossime elezioni del Consiglio Provinciale, che si terranno entro gennaio. Non è sfuggita a nessuno, in questo caso, l’ astensione alla votazione da parte del consigliere e Presidente del Consiglio Andrea Chietini.
In chiusura, dall’opposizione, Gianluca Quadrini chiede i motivi per cui la proposta inoltrata dalla Comunità Montana riguardo alla costituzione di una Centrale Unica di Committenza tra il Comune di Arpino e l’ente locale da lui diretto non sia stata considerata. La centrale di committenza è una stazione appaltante che gestisce gare per conto di pubbliche amministrazioni: l’ Amministrazione arpinate ha preferito l’ intesa con la Provincia di Frosinone, sicuramente un’ Istituzione che ha già difficoltà evidenti a rispondere rapidamente alle pratiche impiegatizie, essendo un apparato sicuramente più “intasato”: la Comunità Montana è sicuramente un organismo più snello, con meno peso burocratico e la scelta in tal senso, oltretutto, avrebbe scongiurando anche il pregiudizio nei confronti del Presidente Quadrini, cittadino di Arpino.
Sara Pacitto

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE