Arpino / Castelliri / Fontana Liri / Santopadre – Scuola, stabilito il posticipo dell’inizio delle lezioni al 24 settembre | TG24.info
Aggiornato alle: 04:00 di Venerdi 23 Aprile 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Arpino / Castelliri / Fontana Liri / Santopadre – Scuola, stabilito il posticipo dell’inizio delle lezioni al 24 settembre

 ULTIME NOTIZIE
Arpino / Castelliri / Fontana Liri / Santopadre – Scuola, stabilito il posticipo dell’inizio delle lezioni al 24 settembre
11 Settembre
10:37 2020

 

Successivamente ad una videoconferenza con la Regione Lazio tenutasi nella mattinata di ieri, mercoledì 9, i sindaci del comprensorio si sono riuniti on-line per valutare il posticipo dell’inizio del nuovo anno scolastico.  Sono molti gli Enti che, sentiti anche i dirigenti scolastici dei diversi Istituti del territorio amministrato, considerate le criticità e le rispettive esigenze, hanno stabilito di rinviare il ritorno sui banchi di scuola.

Con un’ordinanza degli ultimi minuti, i Comuni di Arpino, Castelliri, Fontana Liri e Santopadre rimandano la ripresa delle attività didattiche per materna, elementari e medie a giovedì 24 settembre. Le incertezze e le problematiche che hanno determinato la decisione sono quelle comuni a tutta la penisola: tra queste le classi pollaio per cui mancano gli spazi necessari al distanziamento previsto, la fornitura dei banchi non è stata ancora effettuata, le difficoltà a definire e tracciare i percorsi obbligatori di entrata ed uscita, i dispositivi di sicurezza sono insufficienti, interventi doppi per i plessi che ospiteranno i seggi elettorali. Il Ministero non riesce a far fronte nemmeno alle mascherine ed agli igienizzanti. Per quanto riguarda gli istituti scolastici superiori, nella fattispecie l’I.I.S. “Tulliano” di Arpino negli indirizzi dell’ITIS per Chimici, Liceo Classico, Liceo Scientifico ed. Odontotecnico, la data del rientro a scuola è confermata a lunedì 14 settembre.
Così la comunicazione «A seguito di un costante confronto tra le amministrazioni comunali territoriali e le dirigenze scolastiche, nonché in considerazione delle difficoltà rappresentate alle competenti articolazioni regionali in
diverse riunioni telematiche, è maturata la decisione collegiale di posporre l’apertura
delle scuole al 24/09/2020. Le motivazioni che ci hanno spinto ad adottare questo provvedimento sono da ricondurre a difficoltà oggettive che riguardano il rispetto dell’attuale normativa in materia di‭ ‬prevenzione‭ ‬dal‭ ‬rischio‭ ‬Covid-19.‭ ‬ ‭ ‬Abbiamo‭ ‬riscontrato,‭ ‬ ‭ ‬più‭ ‬o‭ ‬meno‭ ‬su‭ ‬‬tutto‭ ‬il‭ ‬ ‭ ‬territorio, significativi‭ ‬ ‭ ‬ritardi‭ ‬nelle‭ ‬‬consegne‭ ‬‬dei‭ ‬nuovi‭‭ ‬banchi‭ ‬da‭ ‬‬utilizzare‭ ‬in‭ ‬virtù‭ ‬dell’Ordinanza‭ ‬del
Commissario Arcuri, fatto questo che impone una revisione delle decisioni assunte in merito alla definizione‭ ‬ ‭ ‬degli‭ ‬spazi‭ ‬‬per‭ ‬‬la‭ sistemazione‭ ‬degli‭ ‬ ‭ ‬alunni‭ ‬‬in‭ ‬presenza.‭ ‬A‭ ‬ ‭ ‬questo‭ ‬si‭ ‬aggiunge l’imminenza‭ ‬ ‭ ‬dell’appuntamento‭ ‬ ‭ ‬elettorale‭ ‬‬referendario‭ ‬ ‭ ‬del‭ ‬‬20/21‭ ‬settembre‭ ‬che‭ ‬obbliga, naturalmente, ad intervenire con le complesse procedure di sanificazione dei locali scolastici che risultano essere anche seggi elettorali con due sanificazioni suppletive rispetto a quelle gia previste per‭ ‬‬l’inizio‭ ‬ ‭ ‬dell’anno‭ ‬scolastico.‭ ‬ ‭ ‬Tutto‭ ‬‬ciò‭ ‬in‭ un‭ ‬‬arco‭ ‬ ‭ ‬temporale‭ ‬particolarmente‭ ‬ ‭ ‬contratto.‭ ‬Il provvedimento riguarda le scuole dell’infanzia, le scuole primarie e le scuole secondarie di primo grado. Le scuole secondarie di secondo grado invece (meglio conosciute come “scuole superiori”) sono di competenza dell’Amministrazione Provinciale, che ne ha predisposto la regolare riapertura per il giorno 14 settembre. Nella piena consapevolezza dell’importanza che ricopre l’istituzione scolastica pubblica nel nostro sistema sociale, consci dei numerosi disagi che questa emergenza sanitaria stia facendo vivere ai nostri ragazzi e alle loro famiglie, riteniamo che nostro inderogabile dovere sia quello di anteporre la salvaguardia della salute pubblica ad ogni altra necessità».
In tutta questa incertezza, le famiglie auspicano che non si abbassi l’asticella per la sicurezza degli alunni, dalle classi dell’infanzia a quelle elementari e medie.
Sara Pacitto

 

 

IN EVIDENZA

.

.

SOCIAL
TOP NEWS