Arce – Il parroco non dà il buon esempio, fedeli indignati | TG24.info
Aggiornato alle: 10:04 di Lunedi 2 Agosto 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Arce – Il parroco non dà il buon esempio, fedeli indignati

 ULTIME NOTIZIE
Arce – Il parroco non dà il buon esempio, fedeli indignati
24 Dicembre
08:33 2020

 

 

 

Le misure adottate per arginare l’epidemia da Covid-19 prevedono precise disposizione che, ormai, tutti conosciamo bene: queste disposizioni, ovviamente, devono obbligatoriamente essere rispettate in ogni luogo, anche nelle chiese.

Le chiese, abitualmente frequentate da persone anziane, dove le regole antiCovid dovrebbero essere osservate in maniera scrupolosa, senza indugi: distanziamento interpersonale, mascherine, igienizzazione delle mani, sanificazione degli oggetti e degli ambienti. I parroci in primis dovrebbero dare il buon esempio e non dimenticare di rivolgersi ai fedeli per sollecitarli ad attenersi alle misure preventive. Purtroppo, non sempre è così: in questo caso, sono gli stessi fedeli ad essere indignati per la superficialità del parroco in tal senso, segnalando anche sui social il comportamento poco consono del sacerdote della parrocchia dei SS Apostoli Pietro e Paolo di Arce. Il don, originario di Civitella Roveto, celebra anche nella chiesa di Rocca d’Arce, già da circa 5 anni, trasferito da Castelliri poco prima di una condanna per circonvenzione di incapace ai danni di un’anziana donna.
Il disappunto dei fedeli non lascia spazio a fraintendimenti «Il parroco di Arce e Rocca d’Arce non mette la mascherina durante la messa. Oltre ad andare contro le regole (nei luoghi chiusi tra non congiunti bisogna portare dpi), è un gesto che concretizza la totale noncuranza per la salute dei fedeli. La mette solo quando distribuisce l’ostia: non mi sembra sufficiente, visto che a tutti noi è richiesto grande senso di responsabilità, da mesi. È necessario dare il buon esempio, anche in chiesa. I bambini, non abbassano mai le loro mascherine colorate» ed inoltre si specifica «È stato usato lo stesso pulpito, il parroco ha ricevuto l’offertorio dai bambini senza mascherina, i chierichetti si sono avvicinati al parroco durante alcuni momenti della celebrazione, alla fine della funzione sono andati tutti in sacrestia e lui sempre senza mascherina. Quella chirurgica è quasi un velo, non penso impedisca la comprensione».
Caro don, non faccia la “pecora nera, dia il buon esempio e faccia un favore alla comunità: si attenga alle regole previste per arginare i contagi da Covid-19.
Sara Pacitto

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

SOCIAL
TOP NEWS