>
Aggiornato alle: 12:45 di Martedi 26 Marzo 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Sin e burocrazia contro industria ed occupazione

 ULTIME NOTIZIE
Anagni – Sin e burocrazia contro industria ed occupazione
17 Febbraio
13:53 2019
I tecnici di fiducia degli imprenditori sono sconcertati: anche per realizzare una tettoia occorrono tempo e tanti denari.

I pochi imprenditori che ancora provano ad investire, vedono sfumare speranze e quattrini a causa degli obblighi burocratici imposti dal Sin. La perimetrazione del SIN come definita con Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare n. 321 del 22 novembre 2016, “Perimetrazione del sito di bonifica di interesse nazionale Bacino del fiume Sacco” all’interno del quale, ogni opera da realizzare deve essere soggetta a Conferenza dei Servizi convocata a cura del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), secondo le procedure contenute nelle “Linee guida sulle procedure operative ed ammnistrative per la bonifica del Sito di Interesse Nazionale (SIN) Bacino del fiume Sacco”, approvate con Decreto direttoriale prot.370/STA del 04.08.2017. Il territorio anagnino è in gran parte compreso nella perimetrazione del Sin. Nel dicembre scorso, su iniziativa del sindaco Daniele Natalia e dell’assessore all’Ambiente ed Urbanistica Vittorio d’Ercole, politici ed imprenditori cercarono una soluzione, proponendola al Ministero dell’Ambiente. Nonostante i solleciti di Natalie e D’Ercole, si continua a brancolare nel buio.

Jackal

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE