Anagni – Seduta di consiglio comunale “serale” in Zona Cesarini | TG24.info
Aggiornato alle: 22:55 di Martedi 26 Gennaio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Seduta di consiglio comunale “serale” in Zona Cesarini

 ULTIME NOTIZIE
Anagni – Seduta di consiglio comunale “serale” in Zona Cesarini
30 Novembre
12:30 2020
L’inconsueto orario d’inizio rischia di far superare la soglia della mezzanotte, e raddoppiare così il costo tra gettoni di presenza e lavoro straordinario.

La circostanza è riferibile al possibile ritardo nella predisposizione dei documenti e, di conseguenza, della notificazione ai consiglieri. Nella stessa giornata, alle ore 10, è fissata la riunione della Commissione consiliare, obbligatoria, con le prevedibili proteste delle opposizioni per la difficoltà nell’esaminare documenti ed allegati. In Sala della Ragione le due ali degli scranni, sempre più squilibrate, rischiano di assottigliarsi ancora di più: inizialmente la predisposizione a “corna di toro”, come nella strategia bellica di Re Shaka, era di 9 + 1 a 6. Man mano i 6 si sono ridotti, ed a battagliare nel ruolo assegnato dagli elettori, sono sempre meno. Antonio Necci è organico alla maggioranza, ed il nuovo acquisto per effetto della surroga al dimissionario Ferretti, Guglielmo Vecchi, è dichiaratamente sodale e fedele al sindaco Natalia. I restanti 4: Sandra Tagliaboschi mena fendenti che, all’atto pratico, non feriscono; Fernando Fioramonti chiede ed ottiene documenti ma dimentica di usarli; Nello di Giulio vola alto, e dall’alto le bombe, pur se sganciate, difficilmente colpiscono; Valeriano Tasca sembra risentire dell’effetto derivante dal terremoto Casapound: sparito ufficialmente il Movimento dalle sigle politiche, urge riciclarsi o creare qualcosa di nuovo. Tasca, fra l’altro, dovrà digerire il tradimento del duo Necci-Vecchi, eletti nel raggruppamento Anagni Terra Nostra sostenitore del candidato Daniele Tasca. Un’atmosfera di dubbio e decadenza, che potrebbe risvegliare acredini e vivacizzare la seduta. Le variazioni di bilancio, poi, vengono solitamente attaccate ed irrise dalle opposizioni, in quanto eccessive per numero ed importi. Il Bilancio Consolidato fu, per la giunta Bassetta, la buccia di banana. Per l’amministrazione Natalia l’ultima operazione di Vincenzo Fasani, il Capo Settore che, dal 1 dicembre, sarà in ferie per non più rientrare in servizio.

Jackal

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
IN EVIDENZA
SOCIAL
TOP NEWS