Anagni – Le “perplessità” del consigliere Tasca sul Consiglio Comunale | TG24.info
Aggiornato alle: 17:59 di 18 Aprile 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Le “perplessità” del consigliere Tasca sul Consiglio Comunale

 ULTIME NOTIZIE
Anagni – Le “perplessità” del consigliere Tasca sul Consiglio Comunale
11 Novembre
14:30 2020

 

 

Si è svolto ieri il Consiglio comunale per approvare la rigenerazione urbana, i piani integrati e i cambi di destinazione d’uso.

Il consigliere comunale di minoranza Valeriano Tasca interviene sulla seduta consiliare ed altro. Di seguito la nota stampa: “Il Consiglio comunale, ieri, non andava fatto alla Sala della Ragione. L’ho detto durante la seduta e ci tengo a ribadirlo ora. Si poteva fare on line oppure non farlo per niente, aspettare che finisse l’emergenza Covid perché dovevamo votare la rigenerazione urbana, piani integrati e cambi di destinazione d’uso e quindi non era urgente farlo. Se si doveva discutere di somme di bilancio da destinare ad esempio alle attività in difficoltà o come destinare i famosi 60mila per il fondo di solidarietà, avrebbe avuto senso svolgere il consiglio ma sicuramente non alla sala della Ragione. Abbiamo tutti gli strumenti tecnologici per farlo on line. Mi è stato detto che tutto era in regola. Bene e allora mi chiedo perché 6 Consiglieri comunali possono stare seduti accanto allo stesso banco e i nostri bambini devono stare in un banco rispettando severissimi protocolli. A mio avviso si è dato un pessimo segnale. Poi mi chiedo perché è stata fissata la data del consiglio comunale che doveva essere un momento storico visto il tema trattato, così ha detto il sindaco, lo stesso giorno che lo stesso doveva recarsi in tribunale per la sua vicenda giudiziaria. Era talmente storico il momento che il sindaco, per ovvie ragioni, non ha partecipato alle votazioni proprio perché aveva abbandonato i lavori per recarsi a Frosinone. Non voglio nemmeno sfiorare poi le dimissioni di Ferretti, che tra l’altro dovevano essere date all’inizio dei lavori e non alla fine, ma insomma ognuno fa la strada che vuole e chi deve aver capito lo ha fatto. Io dico solo che la politica è una cosa seria e mai si dovrebbe tradire il mandato degli elettori”.

Anna Ammanniti

 

Parole Chiave - Tags

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS