Anagni – La minoranza chiede spiegazioni sul distanziamento interpersonale da adottare durante il Consiglio Comunale | TG24.info
Aggiornato alle: 14:20 di Mercoledi 20 Gennaio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – La minoranza chiede spiegazioni sul distanziamento interpersonale da adottare durante il Consiglio Comunale

 ULTIME NOTIZIE
Anagni – La minoranza chiede spiegazioni sul distanziamento interpersonale da adottare durante il Consiglio Comunale
22 Luglio
11:00 2020
Mercoledì mattina si svolgerà il primo Consiglio Comunale dell’anno 2020 e quindi il primo dell’emergenza sanitaria Covid 19. I consiglieri comunali di minoranza Sandra Tagliaboschi, Valeriano Tasca, Nello Di Giulio, Fernando Fioramonti e Gianluigi Ferretti hanno chiesto in quali modalità si svolgerà l’assise.

C’è stato quindi martedì pomeriggio un incontro con il presidente del Consiglio comunale per avere chiarimenti sul rispetto delle disposizioni governative riguardo il distanziamento interpersonale. I cinque consiglieri di opposizione smentiscono la richiesta dell’incontro per estromettere il consigliere di minoranza Antonio Necci. Questa la nota: “Si è svolta martedì pomeriggio la conferenza dei Capigruppo richiesta dai cinque Consiglieri di minoranza al Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe De Luca. Al contrario di quanto  apparso su un noto quotidiano on line, in cui si sono affermate palesi inesattezze, lo scopo della richiesta era capire come si dovesse organizzare il Consiglio Comunale stesso, in base alle disposizioni governative sul distanziamento sociale. Quindi la richiesta verteva sui posti a sedere – come da Regolamento Comunale – e sul fatto che, in virtù del buon andamento della seduta e sempre ex lege, ci tenevamo a capire come si sarebbe svolta l’assise pubblica e a dare il nostro contributo. Abbiamo chiesto al Presidente De Luca notizie sulla disposizione interna dei posti, sulla distanza da mantenere, sull’utilizzo delle mascherine, dei microfoni e degli spazi riservati ai cittadini, al fine di tutelare chi volesse venire ad assistere. La nostra richiesta era dunque volta allo svolgimento di un assise in piena sicurezza, per i cittadini in primis, e per i dipendenti comunali, le forze dell’ordine presenti e naturalmente l’apparato politico; certamente non era finalizzata ad estromettere il consigliere Necci dalla minoranza, anche perché questo potere noi non lo abbiamo, non lo prevede il Regolamento Comunale e non abbiamo intenzione di andare contro la volontà dei cittadini elettori del Consigliere Necci. Se altri, d’altro canto, considerano la  sicurezza dei cittadini una cosa inutile, questi sono certamente loro problemi. Bisognava, prima di fare brutte figure, informarsi bene e leggere eventualmente la richiesta fatta da parte nostra al Presidente del Consiglio Comunale e tutto sarebbe stato più chiaro.”

Anna Ammanniti

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS