Anagni – Inquinamento, il Comitato Osteria della Fontana: “basta attività in zone compromesse!” | TG24.info
Aggiornato alle: 20:49 di Lunedi 27 Settembre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Inquinamento, il Comitato Osteria della Fontana: “basta attività in zone compromesse!”

 ULTIME NOTIZIE
Anagni –  Inquinamento, il Comitato Osteria della Fontana: “basta attività in zone compromesse!”
11 Febbraio
13:02 2017

 

 

L’inquinamento ambientale di Anagni e dell’intera Valle del Sacco preoccupa non poco cittadini, comitati, ambientalisti e associazioni.

Nella zona periferica di Anagni, in località Osteria della Fontana, il Comitato ha organizzato una riunione per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’inquinamento e il progetto di sperimentazione di un’azienda anagnina. L’incontro, molto partecipato, ha visto la presenza di numerosi cittadini, ambientalisti, associazioni quali Retuvasa, l’Associazione Medici di Famiglia di Frosinone, il Comitato Vignola Monti, Legambiente, il DAS e il Comitato di Tufano.  L’intervento dettagliato dell’Associazione dei Medici di Famiglia di Frosinone, ha descritto una situazione sanitaria nel Frusinate devastante, con un aumento critico delle malattie respiratorie, neurodegenerative, degli infarti, dei tumori e dell’autismo.

I relatori hanno ribadito la necessità di monitorare l’inquinamento da polveri sottili e sottilissime, evidenziando che ormai i residenti nella valle del Sacco sono diventati “cavie umane”, avendo gli inquinanti superato abbondantemente tutti i limiti di legge. I medici inoltre hanno rimarcato che alcune predette patologie si riscontrano sempre con maggiore frequenza anche nei bambini.
La città dei papi, inserita negli ultimi mesi nel SIN, per la tragica situazione in cui versa l’intera Valle del Sacco, sta attraversando momenti critici sul tema ambiente.
La riunione è stata condotta dall’avv. Angelo Galanti presidente del Comitato, il quale ha spiegato che  lo scopo dell’incontro, è quello di ottenere una mobilitazione sociale sul problema inquinamento. Nella zona sono in corso iniziative industriali a rilevante impatto ambientale ed è un grave controsenso inserirle in un’area già così tanto martoriata. L’area ha soprattutto bisogno di bonifica del suolo, sottosuolo e delle acque.

Anna Ammanniti

  •  

IN EVIDENZA
SOCIAL
TOP NEWS