Aggiornato alle: 16:00 di Lunedi 16 Settembre 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Il consigliere Salvati replica a Fioramonti sulla questione del bando “Lazio delle meraviglie”

 ULTIME NOTIZIE
Anagni – Il consigliere Salvati replica a Fioramonti sulla questione del bando “Lazio delle meraviglie”
11 Settembre
11:32 2019
Questa la risposta di Davide Salvati (FdI), consigliere subdelegato a Bandi e Finanziamenti europei e regionali dopo il nostro servizio (clicca qui):

《Per maggiore chiarezza nei confronti dei cittadini e per spiegare al consigliere Fioramonti il motivo della mancata presentazione di una proposta da parte del Comune di Anagni per il bando “Lazio delle meraviglie” è necessario fare riferimento al bando cui invece il Comune ha risposto ottenendo un finanziamento di 20.000 €: il bando in questione è “Eventi di interesse regionale” approvato con Determina dirigenziale del 06/03/19 con scadenza fissata all’8 aprile. La graduatoria di tale bando che ha visto Anagni tra le città finanziate è stata pubblicata dalla Regione Lazio il 6 agosto. All’interno della proposta anagnina per il bando “Eventi di interesse regionale” è stato inserito il programma completo dell’estate anagnina così da poter avere un punteggio utile ad ottenere il finanziamento.
Il bando cui fa riferimento Fioramonti, “Lazio delle meraviglie”, è stato pubblicato con Determina del 27/05/19, con scadenza il 12/07/19 e la graduatoria è stata pubblicata pochi giorni fa, esattamente il 5 settembre. Ora, avendo il Comune di Anagni fatto richiesta di finanziamento per tutti gli eventi culturali estivi ben prima della pubblicazione di “Lazio delle meraviglie”, proprio per questo si è attivato il caso di cui all’art. 5 comma 4, lettere a-b-c del Regolamento regionale 19/2018 che fissava i parametri d’incompatibilità nella partecipazione a più bandi.
Basti fare un esempio: quando fu pubblicato il bando “Lazio delle meraviglie” l’amministrazione comunale di Anagni aveva intenzione di presentare un progetto di finanziamento per i “Giorni dello Schiaffo” ma dalla Regione ci fecero presente che l’evento era già inserito all’interno dell’estate anagnina che era oggetto di un altro bando, quello attraverso il quale il Comune di Anagni è poi stato finanziato.
Purtroppo, nell’ambito dei bandi, in cui le date sono tassative e le scadenze stringenti, bisogna lavorare con attenzione e scegliere accuratamente a quale partecipare; non basta aprire il sito della Regione, scoprire un bando e parlare a vanvera di incompetenza degli amministratori. Bisogna invece comprendere i motivi che hanno portato a determinate scelte che hanno, comunque, dato frutti importanti visti gli ottimi risultati dell’estate anagnina》.

(fonte: Comunicato Stampa)

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE