Aggiornato alle: 21:32 di Mercoledi 22 Maggio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Il consigliere Nello Di Giulio: sanità, incarico legale e ricorso al TAR

 ULTIME NOTIZIE
Anagni – Il consigliere Nello Di Giulio: sanità, incarico legale e ricorso al TAR
07 Ottobre
12:45 2018
(di Anna Ammanniti) Il consigliere comunale di minoranza Nello Di Giulio di Anagni Cambia Anagni, torna sull’argomento sanità e sull’incarico legale affidato per il ricorso al TAR, dopo la chiusura del Punto di Primo Intervento da parte della Asl di Frosinone.

“La sanità di Anagni, il rischio di smarrire la via maestra”, è così che esordisce Nello Di Giulio, affrontando il delicato tema che investe la città da anni. “L’associazione Anagni Cambia Anagni, espressione plurale di cittadini attenti più alla concretezza che non alla referenzialità politica, sostiene da sempre il diritto alla salute dei nostri concittadini. È tema di essenzialità tale da dover superare doverosamente la pratica dell’improvvisazione e delle farse del politico “assai scaltro” di vecchia o nuova generazione. “ Il richiamo alla via maestra a chi riveste i ruoli istituzionali e il pressappochismo sulla sanità è il principale argomento affrontato da Di Giulio : “La buona politica, particolarmente in questi temi di rilevanza costituzionale, è quella che sa ascoltare e lavorare con dedizione, coerenza ed efficacia risolutiva nei canali istituzionali. Il nostro continuo appello affinché si operi nell’alveo della “via maestra” della buona politica considera anche quei minacciosi “pugni sul tavolo” nell’ “incontro del giorno dopo” con il Governatore Zingaretti mai realizzatosi, o l’aver abbandonato per strada la forza della “delibera dei Sindaci” del 2016, finendo per perdersi nel balletto delle sigle PPI, POT, POM, ecc. che hanno contribuito a fiaccare la forza della manifestazione del popolo dello scorso agosto. Sperando in una miglior fortuna per la nuova delibera del 15 settembre, riteniamo errato trascurare contatti e mozioni consiliari regionali, come anche interventi ed interrogazioni parlamentari di cui non si ha più alcuna traccia, pensando che basti precipitarsi in più capipopolo sulla Cristoforo Colombo senza valutare, magari, che l’arteria dovrebbe essere anche parecchio più ampia della Via Casilina. Tornare a lavorare nel solco della “via maestra” dei canali istituzionali è l’unica risposta credibile ed efficace da chi ha responsabilità di governo verso le legittime attese dei cittadini e delle diverse associazioni utilmente attive nel settore.”

Nello Di Giulio torna sulla procedura di nomina del legale secondo regolamento (mandato ad litem) e il procedere del ricorso al TAR, malgrado il ritardato incarico. “In tale ottica noi di Anagni CAMBIA Anagni seguiamo con particolare interesse il ricorso al TAR per l’annullamento della famosa delibera 1363 con cui il Commissario ASL  ha privato i nostri concittadini del servizio di Primo Intervento.  Anche se il conferimento dell’incarico legale è stato affidato con immotivato ritardo, l’avvocato incaricato dr. De Vita (abituato a “gareggiare contro il tempo”)  parrebbe aver ben recuperato  con giuste notifiche  del 21 09 presso  la ASL e del 24 09 presso la Regione Lazio. Ora, al ritorno delle relative ricevute di Legge, potrebbe partire il relativo ricorso per la sospensiva dell’atto che, presumibilmente, dovrebbe poter essere discusso intorno a metà novembre. Il  detto Legale che, malgrado la strana deresponsabilizzazione del Sindaco in Consiglio Comunale,  dovrebbe essere stato incaricato dallo stesso Sindaco (“mandato ad litem”) ed approvato dalla Giunta Comunale secondo il Regolamento 26 01 2015 del nostro Comune, sembrerebbe ritenere tale sospensiva, anche sulla base di esperienze maturate presso il Foro di Napoli,  quasi “atto dovuto” o, almeno, alquanto probabile.”

Nello Di Giulio conclude evidenziando la necessità di andare oltre il ricorso al TAR: “Per Anagni sarebbe sicuramente un primo concreto sospiro di sollievo in una rivendicazione del “diritto alla salute” che, per noi di Anagni CAMBIA Anagni, va ben al di là dello specifico provvedimento oggetto del ricorso amministrativo.

Anna Ammanniti

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE