Aggiornato alle: 15:31 di 12 Luglio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Comune: 20 mila euro di mascherine, chiarisce l’Accademia Kronos

 ULTIME NOTIZIE
Anagni – Comune: 20 mila euro di mascherine, chiarisce l’Accademia Kronos
23 Maggio
15:11 2020
Il vice presidente dell’Accademia Kronos, Silvia Buonanotte in merito all’articolo di questa mattina riguardante le mascherine acquistate dal Comune di Anagni, ci tiene a puntualizzare alcuni passaggi effettuati dall’associazione di volontariato che rappresenta.

Dagli atti ufficiali del Comune di Anagni si evince che l’Accademia Kronos ha prelevato circa 9 mila dispositivi di protezione, dalle 20 mila euro di mascherine acquistare dall’ente. Nell’intervista Silvia Buonanotte dichiara quanto segue: “Non si capisce perché il Comune dichiara di aver consegnato circa 9 mila mascherine all’Accademia Kronos, come se noi le avessimo prese e portate via. Ma di fatto noi le abbiamo solo imbustate e riconsegnate. L’operazione di imbustamento è avvenuta nei locali del Comune e precisamente alla Sala della Ragione.”
L’Accademia Kronos non ha ricontato il numero di mascherine e le sono state consegnate in tre pacchi distinti e in tre giorni diversi. “Posso dichiarare che abbiamo partecipato alla consegna, in un giorno, delle mascherine presso il presidio sanitario di Anagni ai malati oncologici, così come tutti sappiamo. Inoltre durante l’imbustamento, delle mascherine sono state prelevate dall’Associazione Nazionale Carabinieri, dicendoci che le avrebbero consegnate in fase di assegnazione dei buoni spesa. Le restanti, imbustate da noi stessi, sono rimaste in Comune, nella Sala della Ragione, così come ha potuto constatare il custode della Sala. Il custode apriva e chiudeva la porta della Sala perché noi non abbiamo le chiavi. A chi siano state consegnate le mascherine lasciate da noi alla Sala della Ragione non possiamo dichiararlo in quanto non ne siamo a conoscenza. Quindi ribadiamo che ci siamo limitati ad imbustarle.”

Anna Ammanniti

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE