Anagni – Città Regionale della Cultura 2019, Anagni non c’è, l’intervento dei consiglieri di minoranza | TG24.info
Aggiornato alle: 17:15 di 18 Aprile 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Città Regionale della Cultura 2019, Anagni non c’è, l’intervento dei consiglieri di minoranza

 ULTIME NOTIZIE
Anagni –   Città Regionale della Cultura 2019, Anagni non c’è, l’intervento dei consiglieri di minoranza
29 Dicembre
23:00 2018

 

 

San Felice Circeo sarà la “Città della cultura della Regione Lazio” nel 2019. Lo ha deciso la giunta regionale, approvando il progetto presentato dal Comune, quale capofila, insieme a Ponza e Ventotene.

La Commissione della Regione Lazio ha esaminato le proposte pervenute, selezionando i tre progetti finalisti: Palestrina, Cerveteri e San Felice Circeo. Il consigliere Valeriano Tasca (Casapound) interviene sulla partecipazione al bando da parte della Città di Anagni. “Complimenti a San Felice Circeo che con Ponza e Ventotene si sono aggiudicate il titolo di Città della Cultura 2019 e 100mila euro. La lista che vedete mostra le candidature arrivate in Regione Lazio ma non c’è Anagni. Eppure il progetto era stato deliberato il 28 settembre a tre giorni dalla scadenza del bando regionale. Lunedì chiamerò gli uffici competenti per capire come mai la candidatura di Anagni non è presente nell’elenco.  Complimenti ancora al Circeo perché il progetto è veramente di spessore. (per vedere il progetto di Anagni basta avere la delibera 113 del 28 settembre 2018).

Il consigliere Nello Di Giulio (Anagni Cambia Anagni) a riguardo ha presentato un’interrogazione al sindaco Daniele Natalia. “Anagni Città della Cultura del Lazio 2019? Anagni beneficiaria del contributo regionale di 100.000 euro? Anagni che beneficia dell’indotto economico di Capitale della Cultura? Anagni che accresce il livello competitivo per essere Sito UNESCO? Nemmanco per niente!!! Il progetto “capitale della cultura del Lazio 2019”  presentato dal Sindaco Natalia e dall’assessore alla cultura non arriva neanche in finale e….sembrerebbe (beneficio del dubbio) che non sia arrivato neanche alla fase valutativa. Noi di Anagni Cambia Anagni l’abbiamo visto nella delibera di Giunta astenendoci allora di esprimerne deludente giudizio per non indebolirlo ulteriormente. Ci sentiamo però di dire a chiare lettere che incompetenza e supponenza non hanno prodotto mai nulla di buono e, a maggior ragione, nell’amministrazione della ‘cosa pubblica’. In foto la prima pagina della nostra interrogazione al Sindaco prot 22698 del 27 07 su cui attendiamo ancora risposta. Anagni ha bisogno di un orizzonte più ampio e, sicuramente, di un marcato cambio e di passo.”

Anna Ammanniti

Parole Chiave - Tags

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS