Aggiornato alle: 04:00 di Giovedi 17 Ottobre 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Anagni – Azienda allagata e non bonificata, operai lavorano nell’acqua

 ULTIME NOTIZIE
Anagni – Azienda allagata e non bonificata, operai lavorano nell’acqua
22 Settembre
10:00 2019
(di Anna Ammanniti) Giovedì scorso, in occasione dell’abbondante pioggia, i locali di un’azienda sita nella zona industriale di Anagni si sono allagati.

Venerdì mattina gli operai quando sono arrivati sul posto di lavoro, hanno constatato che il locale era allagato.

La questione allarmante è che i proprietari dell’azienda non hanno provveduto al risanamento dei locali dopo l’allagamento e gli operai sono stati costretti a lavorare con l’acqua fino alle caviglie. Nel locale, ovviamente durante la lavorazione era in funzione l’energia elettrica, con tanto di quadri e impianti elettrici attivi, è stata quindi garantita la sicurezza del personale presente in quel momento in azienda? In base alle leggi più generali, i datori di lavoro hanno il dovere di prendersi cura della sicurezza dei loro dipendenti! C’era l’obbligo di deumidificare il pavimento e asciugare il locale, bonificando il tutto, evitando un abbassamento della qualità lavorativa ed evitare soprattutto il verificarsi di possibili tragedie. Sembrerebbe che episodi analoghi si verificherebbero da almeno due anni, infatti in caso di abbondanti piogge l’azienda sistematicamente si allaga. Il problema sono le infiltrazioni nel tetto oppure uno scarso o malfunzionamento dell’impianto fognario? In tarda mattinata sembrerebbe che dietro pressante insistenza del personale, finalmente il locale sia stato sanato. In conclusione l’azienda è tenuta a garantire la sicurezza, la salute e il benessere dei lavoratori, mettendo al sicuro il personale da situazioni estremamente pericolose.  Ricordiamo che in Italia il tasso di mortalità sul posto di lavoro è altissimo, nel primo semestre del 2019 i dati raccontano un numero di decessi molto alto. Centinaia di infortuni segnalati quotidianamente, da gennaio a giugno sono stati denunciati 482 infortuni mortali sul lavoro. È il caso di sottolineare che è essenziale la prevenzione sul posto di lavoro, per evitare tragedie! (foto dal web)

Anna Ammanniti

 

 

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE