Alvito / Atina – Discariche a cielo aperto risalenti al primo lockdown e all’alluvione di ottobre (FOTO) | TG24.info
Aggiornato alle: 10:05 di Mercoledi 12 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alvito / Atina – Discariche a cielo aperto risalenti al primo lockdown e all’alluvione di ottobre (FOTO)

 ULTIME NOTIZIE
Alvito / Atina – Discariche a cielo aperto risalenti al primo lockdown e all’alluvione di ottobre (FOTO)
10 Febbraio
17:25 2021

 

 

Cumuli di materiale di risulta depositati da mesi presso il piazzale del parcheggio sito in via San Nicola, in prossimità dell’ingresso nella Scuola dell’Infanzia, parte l’interrogazione da parte del Gruppo Consiliare di Minoranza Alvito Bello.

“Attraverso la nota inoltrata al sindaco Duilio Martini – spiegano i consiglieri di opposizione Paola Iacobone, Piero Capoccia e Yuri Rocca – intendiamo conoscere la provenienza di tali materiali, gli estremi della delibera che concede il deposito degli stessi in quello spazio e le tempistiche, la modalità e la destinazione del loro smaltimento. Nel corso dei mesi poi, sul cumulo di detriti si sono aggiunti resti di cene da fast food. In sostanza, alcuni giovani, notando la già estesa discarica, hanno pensato di poter gettare altro materiale”. In attesa di una risposta all’interrogazione inoltrata dal Gruppo Alvito Bello che riguarda l’enorme cumulo di materiale, molto probabilmente proveniente dai numerosi interventi avvenuti subito dopo il primo lockdown, giunge sui social una nuova segnalazione nel territorio di Atina inferiore. Anche qui è stata avvistata una discarica a cielo aperto abusiva. Pneumatici e rifiuti di vario genere sono stati depositati nella zona tra il campo sportivo, l’ex cartiera e il nuovo edificio scolastico. Un vero e proprio scempio che alcuni cittadini hanno voluto denunciare su una pagina Facebook. “Si tratta di rifiuti abbandonati dopo l’alluvione di ottobre? – spiegano i residenti -. Come e quando verranno smaltiti? Ci appelliamo all’Amministrazione Comunale di Atina e alle Associazioni ambientaliste per bonificare al più presto tale scempio che rappresenta un vero e proprio problema igienico-sanitario”.

Caterina Paglia

 

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS