Aggiornato alle: 13:35 di Martedi 26 Maggio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – Sit-in “allargato” del centro destra davanti all’Ospedale

 ULTIME NOTIZIE
Alatri – Sit-in “allargato” del centro destra davanti all’Ospedale
25 Giugno
18:40 2017
Nuova manifestazione di protesta pacifica sabato mattina davanti l’Ospedale San Benedetto, con i coordinamenti di Forza Italia Alatri, Noi con Salvini e Gioventù Nazionale, assieme ai consiglieri comunali Iannarilli,  Graziani e Addesse.

Sono diverse settimane che il centro destra ad Alatri manifesta il proprio disappunto sulle decisioni assunte dalla Regione Lazio in tema di Sanità e in special modo sul delicato tema della “maternità” e dell’interruzione di gravidanza. “La misura è ormai colma–  spiega il coordinamento cittadino di Forza Italia- e le tante bugie raccontate per anni da parte di Zingaretti, Buschini e Morini sono ormai una realtà.  L’ospedale di Sora viene privato del suo reparto di Ostetricia, Alatri viene trasformato in un centro per le interruzioni di gravidanza e Frosinone viene lasciato al suo destino, implodendo per l’ingente mole di lavoro a cui è sottoposto. Non è pensabile che la nostra Provincia abbia solo 2 Ospedali funzionanti per far nascere bambini, questa è una pazzia in piena regola! Quello che ne viene fuori è sconcertante, Zingaretti pare interessarsi di più alla questione dell’Aborto anziché attivarsi per sostenere in maniera forte la maternità, tema sempre più dimenticato dalla nostra politica e di importanza vitale per la nostra società! Si sta mettendo in piedi un sistema volto allo smantellamento della Sanità pubblica con gravi ripercussioni sulla maternità e la sua tutela”.

Sull’argomento interviene la coordinatrice provinciale l’avvocato Kristalia Rachele Papaevangeliu: “Non ci fermeremo qui. Il modus operandi dettato da un menefreghismo continuo e sistematico di questa sinistra che nulla oppone alla inefficienza del comparto sanitario regionale, ci sprona a continuare le nostre battaglie a tutela di tutti i cittadini della provincia di Frosinone. Resta inascoltato l’appello rivolto ai vertici regionali di non chiudere un reparto, quello dell’Ostetricia di Alatri che garantiva 700 parti annui, oggi l’ospedale di Frosinone e la sua Ostetricia dopo l’ulteriore chiusura del reparto di Sora sono letteralmente al collasso. Ci chiediamo piuttosto come si pensi di far fronte alle emergenze sanitarie dei vari territori con un solo polo ospedaliero. Noi con Salvini di certo non resta indifferente e si unisce con la gente comune per una battaglia serrata e compatta“.

Gioventù Nazionale, movimento giovanile di Fratelli d’Italia, aggiunge: “Abbiamo scelto di partecipare e sostenere attivamente questa iniziativa ad Alatri perché la difesa della famiglia e della natalità è una delle nostre battaglie. Non è ammissibile chiudere un reparto maternità ed aprire un centro per gli aborti; non è ammissibile “vietare la vita” e “legittimare la morte”. La nostra non è una protesta antiabortista ma un’azione in difesa della vita. Dopo Anagni anche il reparto maternità ad Alatri è a rischio chiusura. Ci toglieranno anche il diritto di nascere in Ciociaria tra poco.”

 

 

A.T.

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE