Alatri – Scuola di Basciano: inaugurazione in “pompa magna” (video) | TG24.info
Aggiornato alle: 13:40 di 16 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – Scuola di Basciano: inaugurazione in “pompa magna” (video)

 ULTIME NOTIZIE
30 Settembre
22:00 2017

 

 

Presenti il prefetto di Frosinone, il presidente della Regione Zingaretti e tante altre autorità accolte da genitori e bambini.

Il sindaco Giuseppe Morini era raggiante nella sua contrada natìa dove, finalmente, si è concluso il lungo percorso che ha portato all’inaugurazione della tanto sospirata scuola materna. Iter iniziato, come giustamente ricordato dallo stesso Primo Cittadino, dalla giunta Magliocca con notevole sostegno dell’assessore locale Giovanni Melone. Il percorso, però, poi è stato lungo e difficile e il Comune, come anche la Regione alla fine, ci hanno messo tutte le proprie risorse ed energie per portarlo a termine. Ecco perché era presente anche il governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti, accolto da uno degli uomini di punta della sua giunta, Mauro Buschini e, addirittura, S. E. il prefetto di Frosinone, dottoressa Emilia Zarrilli con il responsabile dell’ufficio scolastico provinciale nonché vicario regionale Pierino Malandrucco e il dirigente scolastico professor Urgera, fresco di nomina.  Forze dell’Ordine schierate con il comandante della Stazione dei Carabinieri, M.llo Di Iorio e il comandante della Polizia Locale Dino Padovani, moltissimi genitori e, soprattutto, una marea festante di bambini di ogni età che si sono resi protagonisti con musiche e canti per questo giorno così importante per l’intera contrada. Le storie raccontate dal sindaco Morini sulla scuola di Basciano, poi, hanno trattenuto l’attenzione di tutti, perché fatte di esperienze vissute in prima persona che raccontano di una Italia che, per fortuna per alcune cose, per sfortuna per altre, non esiste più. Dopo il taglio del nastro e la benedizione si è passati ai saluti, in cui tutte le autorità hanno voluto esprimere le proprie sensazioni in merito a questa giornata. Alla fine un rinfresco ha accompagnato la visita dei locali che hanno colpito molto per l’alto grado di innovatività tecnologica, ecologica ma anche per la bellezza che non guasta mai, in particolare in luoghi dove si fa formazione e si cresce. L’opera è firmata dall’architetto Andrea Capretti che già quindici anni fa, evidentemente, immaginava una struttura che “dialogasse” con il territorio circostante contribuendo a non danneggiarlo, se non anche a migliorarlo. L’opera dei residenti, poi, ha rifinito il tutto, come ad esempio è stato per gli alberi di ulivo donati dal locale frantoio. Unico neo per la vicenda della scuola l’iter non concluso per gli espropri che vedono alcuni dei proprietari terrieri ancora in attesa di una definizione. Giorni fa, infatti, l’ennesimo tentativo di risoluzione da parte del Comune con una proposta che, stando alle dichiarazioni di alcuni proprietari dei terreni, ancora sarebbe lontana da quanto deciso qualche anno addietro con un atto del Comune stesso. La speranza è che ora che la scuola è aperta, si possa arrivare alla giusta conclusione del contenzioso.

Andrea Tagliaferri

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS